Beta h-CG e data del concepimento

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 16/03/2021 Aggiornato il 16/03/2021

Il valore delle beta-hCG dosate nel sangue non permette di risalire con precisione alla data del concepimento.

Una domanda di: Robi
Volevo chiedere un consiglio sulle beta-hCG.
13/02 ultyima mestruazione. -Ciclo di 30 giorni circa.
24-25/02 – rapporto completo
05/03 – rapporto
10/03 – prelievo Beta Hgc con risultato 42.
Allora prossimamente le rifarò per accertarmi, ma volevo chiedere cosa
significa e come si calcolano le settimane.
Se secondo lei si riferiscono al rapporto del 5/03, quindi 6 giorni prima, o
era troppo presto e quindi si riferiscono ai rapporti avuti la settimana
prima.
Grazie mille.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
le settimane di gravidanza secondo il calendario ostetrico si contano a
partire dalla data di inizio dell’ultima mestruazione e sono 40. Quindi oggi 16 marzo lei, secondo il
calendario ostetrico, si trova alla 4a settimana + 3 giorni. E’ verosimile che il
rapporto sessuale che ha portato al concepimento sia stato quello o del 24 o
dei 25 febbraio (l’ovulazione, che è il momento in cui il concepimento avviene, in un ciclo di 30 giorni si verifica intorno
al 15mo giorno). La tabella beta-hCG riporta valori riferiti alle settimane successive al concepimento, quindi ipotizzando che lei abbia concepito il 28
febbraio lei si trova, in relazione a quando è avvenuto il concepimento, nella seconda settimana di gravidanza. Direi comunque
di non medicalizzare troppo questa gravidanza continuando a effettuare prelievi di sangue (in realtà per accertare la gravidanza basta il test sulle urine) e arrovellandosi in vari conteggi. Fissi piuttosto con calma un
appuntamento dal ginecologo: dalla sesta settima di gravidanza con l’ecografia è possibile visualizzare l’embrione e il battito
del suo cuoricino nonché, in base alle sue misure, datare la gravidanza con precisione.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti