Beta-hCG che aumentano lentamente: la gravidanza potrebbe andare avanti lo stesso?

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 01/06/2022 Aggiornato il 05/12/2022

Il valore più o meno alto delle beta-hCG non è molto significativo in relazione all'andamento della gravidanza (quello che conta è solo che aumenti nelle prime settimane). Il dato essenziale è invece che il feto continui a crescere.

Una domanda di: Silvana
Sono alla prima gravidanza, incinta alla 7ma settimana. Su richiesta del ginecologo sto monitorando le beta che sono passate da circa 7000 a circa 12000 in una decina di giorni. Quindi crescono molto lentamente. Per questo motivo ho fatto 2 ecografie. Nella prima non si vedeva l’embrione, nella seconda, risalente invece a martedì abbiamo visto embrione e battito. La camera gestazionale risulta lievemente dismorfica, mentre il corpo luteo è bello tondo. Il ginecologo mi ha prescritto una cura a base di progesterone che sto effettuando da una settimana circa. Mi chiedevo se, secondo la sua esperienza, una gravidanza che parte “lentamente” ha qualche possibilità di evolvere positivamente nel tempo e se, secondo lei, tentare con una cura ha un senso. Grazie.
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gentile signora, l’embrione è presente, e il suo battito è regolare. Sono questi gli unici dati che contano, i dati essenziali. Ora si tratta di tenere sotto controllo la crescita di questo bambino. Non farei più il dosaggio delle beta-hcg, non serve per dirci come evolverà la gravidanza da adesso in poi. Per quanto riguarda il progesterone, tra non molto la placenta lo produrrà autonomamente insieme agli estrogeni. Lei parla di gravidanza che procede “lentamente”, da parte mia le chiedo: ma siamo così sicuri della datazione della gravidanza? Magari l’ovulazione è avvenuta più avanti rispetto alla data ipotetica, quindi anche per il concepimento è accaduto lo stesso: potrebbe quindi essere un pochino più indietro rispetto alle sette settimane che forse sono state calcolate secondo il calendario ostetrico (cioè partendo dalla data di inizio dell’ultima mestruazione). Comunque sia, non posso sapere cosa accadrà nelle prossime settimane (purtroppo non sono un indovino), ma mi sento di rassicurarla sul fatto che, almeno per ora, tutto sembra stia procedendo regolarmente e che non ci siano veri motivi per cui preoccuparsi. Le variabili in gioco sono molte, ma la cosa davvero importante è che suo figlio continui a crescere. Mi tenga aggiornato, se lo desidera, mi farà piacere. Cari saluti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti