Beta-hCG che non raddoppiano

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/08/2019 Aggiornato il 19/08/2019

Se la gravidanza evolve, i valori della gonadotropina corionica aumentano con il passare dei giorni: è questo l'unico dato che conta per poter stare tranquille.

Una domanda di: Katia
Due giorni fa ho avuto esito positivo (test di gravidanza) con beta a 54 (ultimo ciclo 18/7/19). Ora, a distanza di 48 ore, il valore è salito solo a 112, con piccole perdite marroncine: mi devo preoccupare se non sono raddoppiate?
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signora,
la beta-hCG è prodotta dalle cellule del trofoblasto (futura placenta), tramite le quali il figlio si ancora all’utero materno cinque-sette giorni dopo il concepimento.
La sua produzione inizia quando l’embrione è costituito da sole otto cellule, ma i suoi livelli nel sangue materno possono essere dosati soltanto dopo l’annidamento, quando il figlio inizia a riversare nel sangue materno le sostanze da lui stesso prodotte.
HCG stimola le cellule del corpo luteo, nell’ovaio materno, a produrre il progesterone che renda e mantenga l’interno dell’intero ospitale per il figlio.
I suoi valori corrispondono a valori iniziali. L’importante è che con il passare delle ore si sia verificato un aumento.
Non so se lei conosce con sicurezza la data del concepimento, ma i valori che riporta sono propri della terza settimana dal concepimento, la quinta dall’inizio dell’ultimo flusso mestruale.
Se così fosse, una ecografia alla sesta settimana, fra qualche giorno, dovrebbe già permettere di individuare la presenza dentro l’utero di una camera gestazione con embrione vivo.
Se così non fosse, andrebbero considerate ipotesi alternative, quali la cessazione precoce della gravidanza oppure un impianto extra uterino. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca a 10 anni: è preoccupante?

03/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La prima mestruazione a 10 anni non è un fenomeno significativo dal punto di vista medico, mentre lo è il sovrappeso che probabilmente ne ha favorito la comparsa.   »

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti