Beta-hCG in aumento ma l’embrione a sette settimane non si vede

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 29/08/2021 Aggiornato il 29/08/2021

Se intorno all'ottava settimana l'ecografia non riuscisse ancora a evidenziare la presenza dell'embrione, vorrebbe dire che la gravidanza non è in evoluzione.

Una domanda di: Laura
Salve dottore, le scrivo per avere un suo parere sulla mia situazione…
Ultima mestruazione 1° luglio. Prime beta dopo 2 giorni di ritardo quindi il 2
agosto 179 dopo altri 2 giorni quasi 700 e progesterone 22… Inizio la cura
con progeffik 200 1 mattina e 1 sera.. Il 9 agosto le mie beta salgono a
7000 e progesterone a 30… E fin qui tutto bene… Il 19 agosto prima eco
dove si vede camera gestazionale e placenta ma nulla o per lo meno non si
vede l’embrione. (io ho concepito sicuro tra il 17 e 18 luglio). Il 20
agosto faccio subito le beta e progesterone: il progesterone scende da 30 a
27 e le beta salgono a 32100. Oggi ho ripetuto nuovamente le
analisi e il progesterone è sceso ancora un po’. A 25.90 e le beta sono
salite da 32124 a 34450. Mi può dare un suo parere. A breve ripetero l’ecografia. Nel frattempo io sono molto preoccupata e vorrei tanto avere un
parere anche crudo va bene ma almeno capisco qualcosa. Grazie infinite.
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signora,
a sette settimane l’ecografia non evidenziava l’embrione (a sei e mezzo secondo i suoi calcoli sul concepimento): può accadere, se si concepisce in ritardo rispetto alla data presunta: per esempio se il 17 luglio fosse stato il suo primo giorno fertile con ovulazione e concepimento fino a cinque giorni dopo.
Se invece si trattasse di una camera ovulare cieca, potrebbe comunque continuare a produrre l’ormone beta-hCG per qualche tempo.
La risposta verrà dalla prossima ecografia: se ancora in questa data non si evidenziasse l’embrione, non si tratterebbe di gravidanza in evoluzione, a prescindere dai dosaggi ormonali. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti