Bimba che di notte vuole la mamma

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 25/01/2021 Aggiornato il 08/02/2021

E' normale che un bambino molto piccolo desideri avere la mamma accanto anche al momento della nanna e la reclami nel corso della notte: sarebbe più singolare se non avvenisse.

Una domanda di: Aj
Buongiorno vorrei chiedere un’opinione in merito a mia figlia di quasi 15
mesi. Mia figlia ha sempre avuto un sonno super agitato e ha sempre dormito
pochissimo di giorno ma fortunatamente di più di notte ma con microrisvegli
praticamente a ogni ora. Adesso che sta crescendo la cosa sta peggiorando.
Mia figlia è una bimba molto avanti per la sua età: ha gattonato a 6-7 mesi,
camminato a 9 e iniziato a parlare molto presto, tant’è che a oggi ha un bel
vocabolario, inoltre è iperattiva, vivace, curiosa… Ma il tasto nanna è
drammatico. La situazione è questa: durante il giorno se dorme 20 minuti, massimo
40 dopo pranzo, è tanto, di sera si addormenta sempre al solito orario, tra le 20
massimo 21.30, ma si addormenta solo se ninnata in braccio o nel passeggino, mentre nel
lettino da sola piange per un’ora o due in modo inconsolabile e crolla per
sfinimento. Una volta addormentata iniziano i risvegli alle 23 circa e con
cadenza anche di ogni 20 minuti, si lamenta o piange o si siede e chiama mamma,
a volte basta un goccio d’acqua, un ciuccio e dorme subito a volte invece
urla da disperata, inoltre credo sia sonnambula spesso si tira seduta piange
o chiama ma ha occhi vitrei o chiusi (questo lo faccio anche io) invece se
dorme nel lettone con me non ha nessun problema se non il fatto di muoversi
in continuazione. Qual è il problema? Come posso comportarmi? Inoltre io sono sola, lei ha
solo me, tutto può essere dovuto a questo legame?
Angela Raimo
Angela Raimo

Gentile signora, mi perdoni non vorrei apparirle troppo dura tuttavia davvero ho trovato la sua lettera sconcertante. Mi descrive una bambina con tratti geniali che, fortunatamente, almeno al momento della nanna e di notte fa la bambina, cioè reclama la presenza della sua mamma. Non so come lei riesca a resistere mentre, dopo essere stata messa nel lettino, questa piccina si dispera addirittura per due ore, comunque al riguardo voglio citare un grande pediatra del passato che non mancava di sottolineare che un bambino che si addormenta sfinito dal troppo piangere non è un bambino “educato” è un bambino sconfitto. Permetta a sua figlia di avere la sua età, non ha ancora 15 mesi, non so bene quali aspettative lei nutra nei suoi confronti, comunque sia visto che la priorità è che anche lei riesca a riposare di notte e che la bimba se dorme nel lettone non si sveglia se la tenga vicino per la nanna, senza esitazioni. Lasci a questa bambina il tempo di diventare grande, è ancora così piccola! e cerchi di guardare ai suoi incredibili progressi diurni, anziché focalizzarsi sui comportamenti notturni. Questo vale ovviamente se si ha la certezza che non vi sia alcun problema fisico a disturbare il sonno della bambina, gli ossiuri per esempio, o un mal d’orecchi o un’infezione delle vie urinarie. Le consiglio quindi di consultare anche il pediatra curante per escludere simili eventualità. Dopodiché cerchi di essere più accudente, disponibile, affettuosa con la sua piccola anche quando cala il buio. Con il passare del tempo la situazione migliorerà, come sempre avviene. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti