Bimba che ha iniziato a balbettare

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 16/04/2018 Aggiornato il 16/04/2018

La comparsa della balbuzie a tre anni di età è fisiologica, quindi non deve preoccupare né richiede interventi esterni di alcun tipo. E' bene invece gestirla senza commettere errori che potrebbero peggiorare la situazione, di fatto non significativa.

Una domanda di: Gabriella
Quando compare la balbuzia a tre anni e la bambina parlava prima correttamente, cosa può essere? Grazie.
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma, la balbuzie a tre anni è fisiologica, ovvero non può essere considerata espressione di un vero e proprio disturbo del linguaggio, destinato a protrarsi nel tempo se non si chiedesse aiuto a un logopedista. L’eventualità che un bimbo inizi a balbettare a tre anni è comune e viene considerata una sorta di incidente di percorso che può verificarsi come conseguenza del fatto che in quest’epoca della vita l’apprendimento del linguaggio diventa più impegnativo e i pensieri si affollano alla mente più rapidamente di prima, rendendo difficile organizzarli usando le parole. Nella stragrande maggioranza dei casi tutto si risolve entro massimo i cinque-sei anni di età, a volte anche molto prima, dopo appena alcuni mesi. E’ molto importante però, anche allo scopo di favorire una rapida scomparsa del fenomeno, assumere gli atteggiamenti giusti e non commettere alcuni errori che potrebbero trasmettere ansia alla bambina, finendo per peggiorare un problema di fatto per nulla preoccupante. Ecco quali consigli è opportuno seguire: non interrompa la bambina mentre parla, per farle ripetere correttamente il termine che ha pronunciato balbettando. Non concluda lei la frase quando vede che la bambina comincia a inciampare, ma le dia il tempo di finire quanto desidera dire. Non si dimostri impaziente quando sua figlia parla, né preoccupata né ansiosa quando balbetta. Non faccia confronti con le altre bambine (Ascolta come parla bene Lucia! lei sì che è brava). Non la sgridi quando balbetta, non le chieda di “stare più attenta”. Più lei e il papà vi dimostrerete indifferenti di fronte alla balbuzia più in breve la situazione tornerà alla normalità originaria. Solo se la balbuzie dovesse persistere a sei anni di età, diventa opportuno discutere con il pediatra l’opportunità di portare il bambino da un logopedista. E’ comunque presto, ora, per pensarci, vedrà che non ce ne sarà bisogno. A disposizione, se lo desidera. Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Angela Raimo
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti