Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 09/05/2022 Aggiornato il 16/05/2022

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.

Una domanda di: Guido
Gentile dottoressa, nostra figlia di 2 anni e quasi due mesi ha l’abitudine di tirare i capelli alla mamma. Lo ha sempre fatto, ma adesso dopo più di due anni la mamma è davvero stanca e non capiamo come risolvere il problema. La bimba è davvero molto sveglia, parla, ha iniziato a camminare a un anno, purtroppo non ha una grande passione per il cibo ma cresce bene e anche al nido ci dicono che è una bimba molto sveglia. Seguitissima dalla mamma, ha iniziato il nido quando aveva un anno e mezzo. È stata allattata al seno fino a un anno. Sembra quasi sia un dispetto quando con forza deve tirarle i capelli. Grazie in anticipo della sua risposta e le auguro buon lavoro.
Angela Raimo
Angela Raimo

Gentile papà, l’attrazione della sua bambina per i capelli della mamma è del tutto normale e, questo tirarle i capelli, non è affatto espressione di aggressività e meno che mai di una volontà di fare dispetto quanto piuttosto di un bisogno di “impossessarsi” della mamma, di sentirla più vicina, più sua. Il gesto nasce dunque dal desiderio di essere rassicurata sul fatto che la mamma c’è ed è sicuro che dopo essere andata via ritorni. Il mio consiglio è di dire alla bambina, che ormai ha un’età che le permetterà di comprendere l’invito, di toccare pure i capelli della mamma ma dolcemente, accarezzandoli. La mamma può mostrarle come. Può anche essere d’aiuto che insieme pettinino com mano leggera una bambola. Non è opportuno invece che la mamma si dimostri infastidita quando la bambina allunga le manine verso i suoi capelli, perché potrebbe ottenere l’effetto contrario, facendo sentire la piccola respinta e, quindi, ancora più tentata di aggrapparsi forte e di tirare. Può invece dire: <>. In alternativa, le si può impedire di afferrare i capelli distraendola o mostrandole un gioco, o indicandole qualcosa di curioso o anche proponendole di canticchiare insieme una canzoncina. Mi tenga aggiornata, se lo desidera. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Creme solari: si possono usare in allattamento?

24/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante l'allattamento è opportuno usare, all'occorrenza, prodotti per la protezione dai raggi del sole contenenti filtri fisici e non chimici.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti