Bimba che vuole togliersi le manine

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 27/09/2019 Aggiornato il 27/09/2019

I bambini possono avere "uscite" sconcertanti, ma solo perché giudicate con occhi adulti.

Una domanda di: Gabriele
Vi contatto perché da un po’ di tempo mia figlia di 2 anni e 7 mesi ogni tanto fa una cosa strana, cioè dice di volersi togliere una parte del corpo, ad esempio una mano o i capelli e cose del genere. Io le rispondo che non può e non deve togliersi queste cose perché fanno parte di lei e che i suoi capelli, mani o piedi sono bellissimi. Ma perché si comporta cosi? A cosa sarà dovuto? Grazie.
Angela Raimo
Angela Raimo

Gentile papà,
direi che può stare tranquillo. La sua bambina evidentemente ripete quanto ha sentito dire da qualcuno (probabilmente in famiglia, ma potrebbe anche trattarsi di una vicina di casa, di un’amica della mamma e così via). Frasi del tipo “piuttosto che rubare mi taglierei le mani” oppure “fa così caldo che mi toglierei tutti i capelli dalla testa” non vengono colte dai bambini nel loro significato metaforico, nelle loro sfumature ironiche e paradossali, ma prese alla lettera. Quindi lei fa benissimo a dire che le mani e i piedi devono rimanere al loro posto perché sono “bellissimi”, anche se aggiungerei, giusto per puntualizzare, che servono anche parecchio (per afferrare, stringere, accarezzare, portare il cibo alla bocca le prime, soprattutto per stare in piedi e camminare i secondi). Per quanto riguarda i capelli, farei un distunguo tra questi che di fatto si possono tagliare (per avere meno caldo, perché certe pettinature valorizzano i lineamente, perché si ha voglia di cambiare) e gli arti, la cui mancanza costituirebbe una mutilazione, non certo equiparabile a una nuova acconciatura creata dal parrucchiere con le forbici. Stia dunque tranquilla, e creda certe volte noi adulti attribuiamo ai bambini ragionamenti ed elucubrazioni che davvero non possono ancora appartenere ai loro processi mentali. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti