Bimba con capezzolo dolente: che fare?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 16/06/2021 Aggiornato il 16/06/2021

Basta molto poco per controllare piccli fastidi non significativi dal punto di vista medico.

Una domanda di: Isa
Mia figlia di 11 anni lamenta dolore al capezzolo sinistro, nella
parte bassa che risulta più dura dell altra. Ha già avuto la sua prima
mestruazione, è da allarmarsi? Grazie.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile lettrice,
stia tranquilla, quanto riferisce non è significativo dal punto di vista medico e si risolverà in fretta. Nel frattempo, per alleviare il fastidio può applicare sulla parte, all’occorrenza, un gel all’aloe. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fimosi dei maschietti: agire con cautela e cognizione di causa è d’obbligo!

04/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

Paradossalmente può essere la manovra che a volte si esegue per favorire lo scorrimento del prepuzio sopra il glande a ostacolare la risoluzione spontanea della fimosi, quindi a peggiorarla.  »

Menarca a 10 anni: è preoccupante?

03/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La prima mestruazione a 10 anni non è un fenomeno significativo dal punto di vista medico, mentre lo è il sovrappeso che probabilmente ne ha favorito la comparsa.   »

In ansia per quello che non mangerà alla scuola materna

31/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

All'asilo i bambini tendono ad accettare di buon grado pietanze che a casa respingono, per imitare i coetanei. L'ingresso in comunità sotto il profilo dell'alimentazione è spesso provvidenziale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti