Bimba con capezzolo indolenzito: che fare?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 18/12/2020 Aggiornato il 21/12/2020

Il telarca può essere caratterizzato dalla comparsa di una sensazione di fastidio, destinata comunque a sparire spontaneamente.

Una domanda di: Paola
Vorrei sapere cosa posso mettere a mia figlia di 11 anni su un
capezzolo che da qualche giorno si presenta gonfio e dolorante. Grazie.

Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora,
la manifestazione che descrive è il cosiddetto “telarca”, cioè il primo abbozzo di mammella, espressione che la sua bambina sta crescendo. Per l’indolenzimento può applicare sul capezzolo una crema a base di arnica al 5 per cento. Stia comunque tranquilla perché nell’arco di massimo qualche settimana il (piccolo) problema si risolverà spontaneamente. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti