Bimba con stipsi

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 04/05/2020 Aggiornato il 04/05/2020

A volte la stipsi può essere peggiorata da un problema di natura psicologica.

Una domanda di: Federica
Mia figlia di 2 anni ha sempre sofferto di stipsi con feci dure ogni 3-4 giorni, con difficoltà ad espellere. Ho provato ad usare il macrogol ma con una bustina risultava morbida ma non era mai una “cacca finita” ma rimaneva sempre qualcosa all’interno, ho provato dietro consiglio di una farmacista uno sciroppo (a base di vari ingredienti tra cui fico e propoli, tamarindo e tarassaco, allego foto ) ho trovato anche qui degli effetti positivi ma non sempre. Una domanda: dare tutti i giorni macrogol o lo sciroppo può causare problemi a livello intestinale? Mucosa dello stomaco etc? Ho provato a farle usare il vasino ma si rifiuta o a volte sta seduta senza esito e poi la fa sdraiata sul pavimento.
Grazie per l’attenzione.
Cordiali saluti.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
probabilmente qui il problema è legato al rifiuto di espellere che la bambina mette in atto quando la pone sul vasino. Il macrogol e l’altro prodotto in sciroppo utilizzati possono solo in parte funzionare per via del primo ostacolo di ordine psicologico. Per l’uso prolungato di tali prodotti la letteratura non pone limiti, anche se bisogna lavorare meglio sulle motivazioni a “fare la cacca”. Se su questo versante non ci siamo ancora, conviene non forzare. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti