Bimba con streptococco: sarebbe stato meglio darle l’antibiotico?

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 21/06/2023 Aggiornato il 21/06/2023

In linea generale, quando il tampone risulta positivo allo streptococco è sempre più opportuno somministrare al bambino l'antibiotico, ma il pediatra può avere una precisa ragione per non prescriverlo. Chiedergliela è consigliabile.

Una domanda di: Elisa
Mia figlia di tre anni e mezzo ha avuto due giorni di febbre (dai 37.7 ai 38.7) per due giorni con male alla gola, chiamata la guardia medica mi consiglia di fare un tampone per lo streptococco a casa poiché una compagna di classe è positiva. La bambina risulta anche lei positiva ma già dal terzo giorno non ha più febbre, il pediatra dopo averla visitata, avendo visto che “stava bene” (non presentava più febbre e gola arrossata) decide anche se positiva di non darle l’antibiotico. Posso stare tranquilla? La bambina apparentemente sta > bene (solo un po’ di inappetenza) e naso chiuso. Posso sorgere complicanze senza antibiotico? Grazie.
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Gentile signora, io penso che l’antibiotico sarebbe stato da dare, se non fosse altro che per interrompere la contagiosità. Ma principalmente perché il reumatismo articolare acuto può essere la complicanza di una faringotonsillite streptococcica e il trattamento antibiotico, anche tardivo, può servire per evitarlo. La complicanza reumatica (che non e’ cosa da poco!) è però oggi un evento molto raro e ancora di più all’età della bambina. Forse il pediatra ha considerato questo, o magari anche il fatto che l’amoxicillina, che è l’antibiotico di scelta per questa condizione, oggi non si trova più nelle formulazioni pediatriche in molte parti d’Italia (sic!) e darle un altro antibiotico, magari meno efficace, o con più effetti secondari, lo ha considerato poco opportuno in una bambina già guarita da sola. Provi a parlare alla sua pediatra di questa mia ipotesi così da poter stare tranquilla: è sempre opportuno capire le ragioni per le quali il pediatra del proprio bambino prende le sue decisioni. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di schiena dal collo alla zona lombare in gravidanza: cosa può essere?

26/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le cause del mal di schiena possono essere varie e vanno dalle cattive posture, all'utilizzo di calzature poco ammortizzate fino ai colpi d'aria e all'accumulo di stress.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Gemelli: è possibile averli solo se c’è familiarità?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

La gravidanza gemellare non è affatto legata alla familiarità, ma è un evento occasionale che può riguardare qualsiasi donna,   »

Fai la tua domanda agli specialisti