Bimba con una sindrome incompatibile con la vita

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 11/05/2021 Aggiornato il 11/05/2021

Per prendere certe drammatiche (e personalissime) decisioni è anche opportuno tenere conto della realtà dei fatti prospettata dai medici.

Una domanda di: Sabrina
Buongiorno dottore, sono una mamma disperata in cerca di aiuto, anche se ormai di speranze non ne ho più….
Mi trovo alla 20°settimana di gravidanza e da pochi giorni ho scoperto che la mia bambina ha la sindrome di Arnold Chiari, in quanto le hanno riscontrato spina bifida, cervelletto a banana, il cranio a forma di limone, e idrocefalia. Anche il dottore mi ha detto che non è compatibile con la vita, quindi mi hanno consigliato di interrompere la gravidanza, sto impazzendo da giorni ma non trovo speranza in nessuna informazione, so che magari anche lei non mi darà nessuna speranza, ma ho bisogno di tentare il tutto prima di una scelta così dolorosa, la ringrazio speranzosa in una sua risposta. Cordiali saluti.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile Sabrina,
i segni che lei riporta, tratti dalle immagini ecografiche del feto, sembrano appunto deporre per la sindrome di Arnold Chiari che presenta 4 tipologie, due delle quali praticamente incompatibili con la vita. Se i consulenti genetisti o esperti di sindromologia che penso lei abbia contattato, hanno espresso un giudizio definitivo sul tipo di variante presente, la scelta suggerita deriva dalle riflessioni su una malformazione molto grave che interessa le strutture cerebrali nel loro complesso. Spesso, in questi casi, viste le scelte drammatiche che le sono state prospettate, una consulenza psicologica o anche di parere etico potrebbero esserle di aiuto nelle decisioni da intraprendere. Mi rendo conto che via mail un giudizio nel merito risulta poco appropriato e comunque non lecito, visto il contesto specifico e i tempi di decisione relativamente ristretti. Cerchi, per quanto possibile di farsi consigliare da un professionista che non solo le abbia spiegato bene le possibili scelte, ma che lei sente “vicino” alla sua sensibilità. Di più mi è impossibile dirle, la decisione che si trova ad affrontare è fortemente personale ma allo stesso tempo è corretto prenderla sulla base di quanto ritengono opportuno i medici. Desidero che lei sappia che comprendo perfettamente il suo stato d’animo.
Un forte abbraccio.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

Fai la tua domanda agli specialisti