Bimba di 10 mesi con sfumature rosa nella pipì

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 24/06/2022 Aggiornato il 24/06/2022

Il colorito delle urine può tendere al rosa senza che questo sia significativo dal punto di vista pediatrico. Tuttavia, se è stata individuata un'infezione delle vie urinarie al termine della cura con antibiotico occorre ripetere tutte le analisi delle urine.

Una domanda di: Angela
Salve, volevo il vostro aiuto. Ho un problema con la mia bambina di 10 mesi, lei prende ancora latte dal seno e, diciamo, che sto cercando di farle bere più acqua possibile. Un paio di settimane fa ho trovato nel pannolino tracce rosa. Ho fatto l’analisi delle urine è risultata un’infezione e il pediatra mi ha dato Clavulin antibiotico per 6 giorni. Dopo una settimana ho ritrovato oggi di nuovo rosa nel pannolino: come può essere? Cosa può essere?
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
il colorito delle urine può tendere al rosa per presenza di sedimenti salini amorfi, più facili da trovarsi in situazioni di eccessivo caldo che può provocare concentrazione urinaria. A volte, poi, il ristagno sul pannolino può aumentarne la colorazione per processi ossido riduttivi legati alla esposizione all’aria. Questi sedimenti nulla hanno a che vedere con l’infezione, che comunque deve essere ricontrollata con esame urine completo e urinocoltura, se non ha in corso la cura con antibiotico. Altrimenti occorre aspettare alcuni giorni dopo il termine della cura antibiotica per avere la sicurezza di ottenere un risultato attendibile. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti