Bimba di 12 mesi che fatica ad addormentarsi

Professor Francesco Peverini A cura di Professor Francesco Peverini Pubblicato il 17/09/2021 Aggiornato il 11/10/2021

Per aiutare un bambino a dormire è essenziale innanzi tutto capire cosa lo tiene sveglio.

Una domanda di: Rosa
Scrivo perché ho problemi nel far addormentare la mia bimba di 1 anno che
si chiama Nicole.
Nel lettino o nel lettone è impossibile farla dormire. Si alza, gattona, si
butta, si rialza, rigattona, si ributta, si toglie il ciuccio e lo butta giú
dal letto, e via di seguito. Ho provato a calmarla, a cantarle la ninna
nanna, leggerle un libro, a farle le coccole, a tenerla accoccolata accanto
a me, le faccio sempre il bagnetto prima di metterla a dormire, nulla! La
storia è la stessa: dopo piú di un’ora io sono stremata e nervosa e lei non
ha sonno e continua a dimenarsi per il lettone o lettino.
In braccio non vuole stare e non ce la facciamo a tenerla camminando e
cantando per piú di 30 minuti. Come soluzione abbiamo trovato il passeggino:
giretto per casa, canzoni e in massimo 40 minuti dorme.
Mi domando se peró sia giusto come metodo. Sono 4 mesi ormai che si
addormenta così, pensavo con la crescita cambiasse invece nulla.
Sto esagerando io e devo dare tempo alla bimba o sto sbagliando? Grazie.
Francesco Peverini
Francesco Peverini

Nulla è più frustrante per il bambino e i genitori quanto la difficoltà di dormire.
Per aiutare un bambino a dormire e necessario capire cosa lo tiene sveglio.
Una volta assicurate le migliori condizioni ambientali e personali, avendo quindi tenuto conto di temperatura, fame, sete, pannolini sporchi, assunzione di bevande eccitanti, controllato il microclima della stanza, il buio, è necessario considerare ancora alcuni aspetti della salute dei quali è indispensabile parlare con il pediatra: ad esempio reflusso acido o fastidì intestinali. Bisogna cioè prima di tutto escludere che vi sia un problema fisico a redere irrequieta sua figlia. Una volta stabilito che non vi sono problemi in tal senso bisogna concentrarsi su altro.I bambini trovano equilibrio nella routine.
È quindi necessario studiare cosa avviene durante il giorno di disturbante in relazione al momento dell’addormentamento: assenza prolungata dei genitori, bevande contenenti teina o caffeina, noia, giochi di movimento eccessivi, uso della tecnologia, prolungata permanenza davanti alla televisione, talvolta il bagnetto stesso (soprattutto se non gradito), esposione a rumori forti, clima in casa poco sereno, quindi sperimentare un percorso serale – compreso farsi aiutare da un pupazzo – separando nettamente le attività diurne dalle notturne, facendo quindi comprendere che è l’ora di coricarsi. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Cisti del dotto tireoglosso in una bimba di due anni: si deve operare?

30/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

Le cisti del dotto tireoglosso vanno sempre rimosse chirurgicamente, quando farlo dipende dal numero di infiammazioni a cui vanno incontro. La decisione spetta comunque al chirurgo pediatra.   »

Broncospasmo: c’è un modo per prevenirlo?

29/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

ll respiro con sibilo espiratorio spesso è legato a un'infezione virale respiratoria ed è molto comune nei bambini piccoli. Tende a sparire in età scolare ma se persiste rende oppurtuno effettuare un test cutaneo per le allergie.   »

Mancato concepimento: può essere colpa di un’incompatibilità di coppia?

29/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

L'ipotesi che la gravidanza non si avvi a causa di un'incompatibilità di coppia è attraente per chi si occupa di infertilità, ma non ha alcun fondamento scientifico. Almeno per quanto si è scoperto fino a ora.   »

Dubbio sul valore dell’alfafetoproteina in gravidanza

22/05/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il dosaggio dell'alfafetoproteina con il miglioramento delle tecnica ecografica ha perso significato come indagine per individuare alcune malformazioni del feto, come la spina bifida.   »

Fai la tua domanda agli specialisti