Bimba di 13 mesi che dorme di giorno e non di notte

Dottoressa Luisa Vaselli A cura di Dottoressa Luisa Vaselli Pubblicato il 14/08/2022 Aggiornato il 14/08/2022

Se un bimbo dorme tanto di girono e pochissimo di notte è necessario intervenire con rituali della buona nanna (della sera), armandosi di grande pazienza e senza aspettarsi di risolvere il problema in un baleno.

Una domanda di: Giuseppe
Mia figlia 13 mesi da quando ho iniziato a lavorare e rientrare alle 2 del mattino la maggior parte delle volte mi aspetta, mentre prima era molto regolare alle 11 dormiva e faceva delle belle nottate. Mentre all’inizio mi aspettava, giocavamo un po’ e si addormentava, ora resta tante ore in più a volte anche fino alle 5 sveglia, si alza a mezza mattina e poi si riaddormenta svegliandosi anche alle 15 e noi accodati a lei perché ovviamente siamo stanchi e io lavoro la sera. Come fare per rimettere le cose in ordine?
Luisa Vaselli
Luisa Vaselli

Gentile papà,
se la bambina si addormenta più volte durante il giorno è perché le ore notturne non sono sufficienti. E al riguardo va precisato che il sonno del giorno non è lo stesso della notte, si pensi solo che i picchi maggiori di ormone della crescita si riscontrano nelle ore notturne, in particolare con l’inizio del sonno. In più un bambino che dorme male durante la notte durante il giorno sarà tendenzialmente stanco e di cattivo umore. Nella maggior parte dei casi i disturbi del sonno derivano da fattori esterni legati ad esempio alla routine serale e alle abitudini imposte dai genitori. Partiamo dalla routine che favorisce il sonno notturno, che appunto deve essere sempre la stessa perché la ripetizione di gesti è rassicurante e rende più facile l’addormentamento. Si può leggere un libro, cantare una ninna nanna, l’importante è che la bambina riconosca nel rituale questo messaggio: adesso è l’ora della nanna. Se si sveglia durante la notte coccolarla, calmarla con parole affettuose ma possibilmente non prenderla in braccio: meglio chinarsi su di lei per farle sentire la presenza fisica. I genitori al momento della nanna devono mostrarsi tranquilli, affettuosi, sicuri, fermi. Dopodiché bisogna armarsi di grande pazienza: i cambiamenti in relazione al sonno non avvengono in un minuto, ci vuole tempo affinché un bambino si regolarizzi. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti