Bimba di 13 mesi che reclama 10 poppate per notte

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 05/11/2021 Aggiornato il 05/11/2021

E' pieno diritto delle mamme sottrarsi a un numero di poppate notturne talmente alto da stremare.

Una domanda di: Mary
Salve, sono in un periodo di stress altissimo, ho una bimba di quasi 13 mesi
che crescendo anziché diminuire, ha aumentato le quantità delle poppate
notturne impedendomi di riposare come si deve….si sveglia almeno dieci
volte a notte anche perché purtroppo non prende il ciuccio…ho provato
spesso con il latte vaccino ultimamente senza riuscire a farlo assaggiare,
sono in un punto di rottura sento di stare per toccare il fondo della mia
pazienza…amo allattarla non vorrei smettere, vorrei soltanto che dormisse
tutta la notte, chiedo troppo? È possibile allattare senza tutto questo
trambusto? Grazie in anticipo…
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
lei ha la consapevolezza di essere arrivata al limite delle sue forze, inutile insistere su questa strada. E’ ovvio che la bambina continuerà a cercare il seno che però, evidenteemnte sta usando come un ciuccio, mentre appunto non dovrebbe avere questa funzione. Cerchi un colloquio col suo pediatra per illustrargli la situazione e per vedere concretamente come risolvere il problema: credo che parlare a tu per tu e non tramite mail sia la cosa migliore per trovare insieme una soluzione: ne ha il diritto! Tenga presente che il bambino sta bene se la mamma sta bene e lei non può stare bene senza dormire o dormendo a singhiozzo. Il seno di notte andrebbe tolto, si confronti con il suo pediatra che conoscendo lei e la bambina saprà aiutarle a riuscire in questo intento. Tenga comunque presente che non è che privando un bambino ormai già gradicello delle poppate notturne gli si dimostra meno amore: ci sono tanti altri modi per farlo sentire circondato da affetto, sicuro, protetto. Abbracci, baci, carezze e paroline dolci da sussurrargli piano quando si sveglia potrebbero a poco a poco abituare la sua bambina a non reclamare più il seno di notte, ma di limitarsi a chiederlo a colazione, a merenda o comunque in una qualsiasi delle ore diurne. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti