Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 16/06/2021 Aggiornato il 04/07/2021

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.

Una domanda di: Pietro
Buongiorno Dottore, mia figlia di quasi 18 mesi prendeva 400cc di latte al
giorno in 3 poppate più i due pasti (mangia un po’ di tutto in parte
ingerendo e in parte buttando a terra). Inizia la fase di inserimento all’asilo
e ad un tratto rifiuta il latte artificiale che prima prendeva con piacere.
Anche se insisto nel volerlo dare lei lo rifiuta e non lo beve,
atteggiamento molto strano e coincidente con un inserimento dove fa fatica a
stare senza mamma all’asilo. Come posso fare? Cosa mi consiglia?

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile papà,
a 18 mesi non c’è da preoccuparsi del rifiuto del latte perché esiste lo yogurt che rappresneta un’ottima alternativa. Si può proporre con l’aggiunta di frutta o di cereali, e va offerto naturalmente con il cucchiaino. er quanto riguarda il latte, posto che non accade nulla di significativo se a 18 mesi viene rifiutato (e lo stesso vale anche qualora la sua bambina non lo volesse proprio più), si può provare a fargli cambiare sapore aggiungendo due cucchiaini di orzo, oppure di cereali solubili o, ancora, un cucchiaino di cacao. In nessun caso, è opportuno insistere affinchè lo inghiotta controvoglia: è più che consigliabile infatti assecondare i gusti del bambino. Se l’alimentazione è varia, ben bilanciata e la bambina mangia “un po’ di tutto”, ripeto, non è assolutamente necessario che assuma il latte. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti