Bimba di 18 mesi che reclama continuamente il seno

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 07/06/2022 Aggiornato il 14/06/2022

Secondo l'Organizzazione mondiale della Sanità, dopo l'anno di vita del bambino l'allattamento andrebbe continuato solo se gradito a entrambi. Se la mamma è stressata, stanca e non riesce più a reggere la frequenza delle poppate voluta dal figlio ha tutto il diritto di smettere.

Una domanda di: Giulia
Vorrei smettere di allattare. La bambina ora ha 18 mesi e per me è diventato molto stressante l’allattamento anche perché chiede “latte” a diritto. Lo sta richiedendo più adesso che mesi fa. Il problema è che non prende il ciuccio e se non l’accontento inizia a fare delle bizze tremendo urlando, dalla disperazione più volte ha vomitato. Richiede il seno anche la notte con diversi risvegli. Come potrei fare per smettere? Che tipo di latte potrei proporle? Grazie.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora, in primo luogo se è stanca di allattare, visti anche i ritmi con cui lo fa, è più che giusto che lei decida di smettere. Al riguardo, secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, dopo l’anno di vita l’allattamento al seno va proseguito solo ed esclusivamente se è gradito sia alla mamma sia al bambino. Questo perché continuare ad allattare quando non se ne ha più voglia può essere più controproducente che utile ai fini della qualità della relazione mamma-bambino. Sarà però opportuno agire con gradualità: la frequenza delle poppate andrebbe diminuita ricorrendo a piccoli trucchi che riescano a distrarre la bambina dal desiderio di attaccarsi al seno. Di notte, per esempio, quando si sveglia può provare a cullarla, ad abbracciarla, a farle sentire il contatto fisico con lei, senza però offrirle il seno. In alternativa, le si può proporre un pochino d’acqua, usando il bicchiere. Lo stesso si può fare anche di giorno, se inizia a  urlare pur avendo mangiato da poco e quindi senza la giustificazione della fame. Sempre di giorno, quando reclama la poppata e può davvero avere appetito, può offrirle, anziché il seno, pezzetti di frutta, anche mescolati a uno yogurt. Una volta imboccata questa strada, deve tergiversare ancora qualche giorno, dopodiché può fasciarsi il seno, avendo cura di spremere dal capezzolo qualche goccia di latte quando sente la mammella in tensione. Tenga presente che la produzione di latte tende a diminuire gradualmente se la ghiandola viene stimolata via via sempre meno. Per quanto riguarda il tipo di latte da usare, a 18 mesi può già proporre il latte fresco intero di latteria (il latte normale, insomma). La quantità massima da somministrare è di 500 ml al giorno (mezzo litro) che è bene non superare. Al latte può aggiugere orzo, cacao o cereali, a seconda delle preferenze della sua piccina. L’importante è offrirlo in tazza, mentre il biberon è da evitare. L’alternativa al latte, come già detto, è lo yogurt. Per finire, il fatto che la bambina oggi reclami più spesso la poppata rispetto a qualche mese fa non indica una regressione, ma esprime un maggiore bisogno di rassicurazioni, di sentire la vicinanza della mamma. Questa necessità può essere soddisfatta anche ad allattamento concluso, grazie a gesti affettuosi, alla condivisione di un gioco, alla lettura delle fiabe. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti