Bimba di 18 mesi manesca: che fare?

Dottoressa Paola Rolando A cura di Dottoressa Paola Rolando Pubblicato il 28/01/2020 Aggiornato il 28/01/2020

Tirare piccoli schiaffi a 18 mesi di vita si configura come un modo di comunicare, più che un'espressione di aggressività. Tuttavia, si tratta di un comportamento che va gestito in modo opportuno, affinchè piano piano venga abbandonato.

Una domanda di: Francesca
Ho una bimba di 18 mesi molto sveglia, sempre sorridente, socievole con tutti (adulti e bambini) ma da mesi tira dei piccoli schiaffi a chiunque. La sgrido sempre e ogni tanto capisce che è un atteggiamento sbagliato e dà un bacino ma poi riprende a farlo sorridendomi come per sfidarmi. Tutti mi dicono che è normale e passerà ma io mi sento come se fossi io ad insegnarle queste cose. Come posso farla smettere? Sono io a sbagliare metodo sgridandola e basta?
Paola Rolando
Paola Rolando

Gentilissima mamma,
gli episodi di aggressività possono essere dovuti a situazioni di cambiamento oppure possono far parte del normale percorso di crescita.
La separazione dei genitori, l’inserimento scolastico, un trasloco, la nascita di un fratellino o di una sorellina possono influire su un bambino e renderlo particolarmente aggressivo.
Ma il comportamento della sua bambina, che lei stessa definisce “sempre solare e socievole”, non sembra destare preoccupazione.
A mio avviso, la sua piccola di diciotto mesi è nella fase evolutiva in cui un normale atteggiamento di aggressività risulta fisiologico, oserei dire sano. A questa età e fino ai cinque anni circa, i comportamenti aggressivi sono un mezzo di comunicazione attraverso cui un bambino cerca di affrontare il mondo e interagire con l’ambiente, di affermarsi e attirare l’attenzione su di sé, differenziarsi dagli altri, far valere la propria presenza e unicità.
Come se volesse dire: “Ci sono anch’io, esisto, consideratemi.”
In ogni caso, che sia dovuta a cambiamenti o faccia parte del normale iter evolutivo, l’aggressività va sempre gestita e incanalata e fatta sfogare in modo innocuo attraverso lo sport, le attività creative, il gioco e con l’intervento dei genitori, i quali hanno il compito di aiutare il bambino a gestire le emozioni e a comportarsi e a interagire nel migliore dei modi all’interno di un contesto sociale.
Pertanto, sarebbe bene:
NON rispondere ad episodi aggressivi con altrettanta aggressività
NON ricorrere alla violenza o ostilità di fronte ad episodi di rabbia
NON colpevolizzare il bambino facendolo sentire cattivo
NON ridere o prendere in giro il bambino durante i suoi momenti di rabbia
NON sgridarlo, picchiarlo o urlare ( sortirebbe solo un effetto a catena senza fine e il bambino arriverebbe a credere che sia la strada giusta da seguire)
Sì, invece, a gestire le sue emozioni, a comprendere il suo stato d’animo.
Parlatele con dolcezza ed enfatizzate i momenti in cui dimostra di saper gestire la rabbia.
Dedicatele attenzione e amore (non deve mai dubitare del vostro amore).
Fatele capire che è il suo comportamento ad essere sbagliato non il bambino come persona.
Cercate di essere genitori fermi e autorevoli e impartite sempre regole di comportamento precise, costanti, coerenti.
Osservate anche il vostro comportamento come genitori perché, senza che ve ne rendiate conto, potreste esser voi stessi la causa della sua aggressività.
Se voi siete agitati, nervosi, aggressivi il bambino percepisce le vostre emozioni negative e risponde di conseguenza, con lo stesso modo che inconsapevolmente gli state insegnando voi.
Ogni occasione di vita con un bambino è buona per manifestargli amore e rassicurazione (e per offrirgli un buon esempio). Anzi, i momenti giusti spesso, sono proprio quelli che mettono più alla prova un genitore ma sono anche quelli che pongono le basi per un rapporto forte, empatico ed esclusivo.
Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Qual è stato il rapporto sessuale che ha portato al concepimento?

10/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stabilire il giorno esatto del concepimento, in caso di più rapporti sessuali nello stesso mese, è davvero molto difficile in quanto il periodo ovulatorio è influenzato da più variabili.   »

Fai la tua domanda agli specialisti