Bimba di 19 mesi che non vuole mangiare nulla

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 21/02/2022 Aggiornato il 21/02/2022

Quando un bambino rifiuta sistematicamente il cibo, occorre modificare le dinamiche, evidentemente errate, che compromettono il suo rapporto con l'ora dei pasti.

Una domanda di: Emanuela
Mia figlia ha 19 mesi e non vuole mangiare più nulla: fino a poco tempo fa mangiava tutto frullato perché ha sempre avuto problemi di rigurgito da piccola e qualsiasi cosa le mettessi in bocca di
più consistente lo vomitava, non masticava e soprattutto sempre e solo
guardando i cartoni animati, ma mi sono resa conto che stavamo andando troppo
oltre. Ho iniziato a darle cose a pezzi e pasta più grande in modo che
iniziasse a masticare, ma qualsiasi cosa le propongo mi fa storie per
mangiare e fa conati di vomito, in poche parole non so più cosa fare.
Angela Raimo
Angela Raimo

Gentile signora,
ritengo che debba proprio rivedere completamente il rapporto che sua figlia ha instaurato con il cibo, di cui lei è mediatrice. Innanzi tutto è un grave errore far mangiare un bambino davanti alla televisione. Il momento dei pasti deve essere appunto dedicato al cibo, deve rappresentare una pausa conviviale in cui ci si ritrova senza la fastidiosa presenza di uno schermo. Credo che lei abbia trasmesso a sua figlia il messaggio che mangiare sia un favore personale che fa a lei, nonché un’attività sgradevole e ansiogena. Dovrebbe ricominciare daccapo, per esempio proponendo alla bambina primi e pietanze tagliati a piccoli pezzi e poi invitandola a portarli da sola alla bocca, anche con le manine. Il tutto senza distrazioni, favorendo la possibilità che si concentri sul pasto che, gradualmente, deve trasformarsi agli occhi di questa piccina in una pausa piacevole e gioiosa. Per riuscire nell’intento deve lavorare su di lei, cara mamma, che evidentemente affronta i pasti di sua figlia con preoccupazione, probabilmente ben visibile agli occhi della bambina. Metta in conto che ci vorranno tempo e pazienza: la dinamica che si è instaurata non sarà infatti facile da eliminare, anche se di certo riuscirà a farcela. Non mi ha detto nulla in relazione alla crescita della bambina: procede a un ritmo regolare? Il suo peso è nella norma? Se la risposta a entrambe le domande è sì dovrà solo intervenire sul piano psicologico, mentre se la crescita si è arrestata o la bambina è in sottopeso deve confrontarsi con il pediatra di famiglia a cui spetta individuare che cosa eventualmente non va. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti