Bimba di 19 mesi che non vuole mangiare nulla

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 21/02/2022 Aggiornato il 21/02/2022

Quando un bambino rifiuta sistematicamente il cibo, occorre modificare le dinamiche, evidentemente errate, che compromettono il suo rapporto con l'ora dei pasti.

Una domanda di: Emanuela
Mia figlia ha 19 mesi e non vuole mangiare più nulla: fino a poco tempo fa mangiava tutto frullato perché ha sempre avuto problemi di rigurgito da piccola e qualsiasi cosa le mettessi in bocca di
più consistente lo vomitava, non masticava e soprattutto sempre e solo
guardando i cartoni animati, ma mi sono resa conto che stavamo andando troppo
oltre. Ho iniziato a darle cose a pezzi e pasta più grande in modo che
iniziasse a masticare, ma qualsiasi cosa le propongo mi fa storie per
mangiare e fa conati di vomito, in poche parole non so più cosa fare.
Angela Raimo
Angela Raimo

Gentile signora,
ritengo che debba proprio rivedere completamente il rapporto che sua figlia ha instaurato con il cibo, di cui lei è mediatrice. Innanzi tutto è un grave errore far mangiare un bambino davanti alla televisione. Il momento dei pasti deve essere appunto dedicato al cibo, deve rappresentare una pausa conviviale in cui ci si ritrova senza la fastidiosa presenza di uno schermo. Credo che lei abbia trasmesso a sua figlia il messaggio che mangiare sia un favore personale che fa a lei, nonché un’attività sgradevole e ansiogena. Dovrebbe ricominciare daccapo, per esempio proponendo alla bambina primi e pietanze tagliati a piccoli pezzi e poi invitandola a portarli da sola alla bocca, anche con le manine. Il tutto senza distrazioni, favorendo la possibilità che si concentri sul pasto che, gradualmente, deve trasformarsi agli occhi di questa piccina in una pausa piacevole e gioiosa. Per riuscire nell’intento deve lavorare su di lei, cara mamma, che evidentemente affronta i pasti di sua figlia con preoccupazione, probabilmente ben visibile agli occhi della bambina. Metta in conto che ci vorranno tempo e pazienza: la dinamica che si è instaurata non sarà infatti facile da eliminare, anche se di certo riuscirà a farcela. Non mi ha detto nulla in relazione alla crescita della bambina: procede a un ritmo regolare? Il suo peso è nella norma? Se la risposta a entrambe le domande è sì dovrà solo intervenire sul piano psicologico, mentre se la crescita si è arrestata o la bambina è in sottopeso deve confrontarsi con il pediatra di famiglia a cui spetta individuare che cosa eventualmente non va. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti