Bimba di 4 anni che non vuole più il latte a colazione

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 10/10/2022 Aggiornato il 10/10/2022

Accade quasi sempre che il passaggio dal biberon alla tazza comporti una diminuzione della quantità di latte che il bambino assume, ma non si tratta di un'eventualità che deve preoccupare.

Una domanda di: Francesca
Mi scusi non so più come devo fare mia figlia di 4 anni non vuole mangiare più il latte la mattina e, anzi, non vuole fare colazione: come posso risolvere questo problema. Lei prima mangiava 4 bottiglie di latte al giorno… Grazie mille se mi potete aiutare.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara signora, il passaggio dal biberon alla tazza (o al bicchiere o alla scodella) porta sempre ad una diminuzione drastica della quantità di latte assunta, o, addirittura, ad un rifiuto. Ma non rappresenta un grosso problema, perché e alternative esistono e una di queste è rappresnettata dallo yogurt. Oppure si può provare a proporre una colazione del tutto diversa, salata, per esmepio pane tostato e prosciutto, uova, ricotta, frutta. Se anche le alternative venissero respinte, occorre valutare se il rifiuto dipende dal fatto che la bambina quando si siede a tavola a colazione è ancora semiaddormentata. In questi casi a volte si cerca di somministrare qualcosa tipo cracker anche prima di entrare alla scuola d’infanzia, cioè lontano dal risveglio. Potrebbe anche essere opportuno svegliarla un po’ prima in modo che al momento della colazione sia più propensa a mangiare e non si senta incalzata dalla fretta di uscire. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti