Bimba di 4 anni con vari problemi neurologici di difficile inquadramento

Dottoressa Carla Sogos A cura di Dottoressa Carla Sogos Pubblicato il 11/06/2023 Aggiornato il 11/06/2023

Non è possibile da remoto dare indicazioni sulle cure da intraprendere in caso di disturbi che, neppure "in presenza" e con l'ausilio di indagini mirate, si riescono a inquadrare esattamente per poter formulare una diagnosi precisa.

Una domanda di: Maritza
Salve dottoressa. Vorrei un parere da lei. Mia figlia quasi 4 anni da molto tempo presenta spasmi nel sonno di gambe e braccia (nelle ultime settimane con schiuma dalla bocca, anche se non sempre). Negli ultimi mesi si sono aggiunti anche movimenti della testa come a dire no. Tutti della durata di pochi secondi. Inizialmente intorno agli 8 mesi mostrava segni di assenza che nel tempo sembrano essere nettamente diminuiti. Negli ultimi giorni però mostra tremori delle gambe anche di giorno. Abbiamo fatto svariati eeg in veglia e in sonno, polisonnografia e LTM da cui risultano sporadiche anomalie epilettiformi occipitali e frontali bilaterali. In più soffre di apnee ostruttive di grado medio. Spesso accusa mal di testa o mal di pancia prima dei tremori (raramente seguiti anche da vomito). Ci hanno detto che non la trattano con farmaci perché non sufficientemente grave. Nonostante siamo sotto controllo per epilessia (di difficile inquadramento) da ormai 3 anni. Vorei sapere da lei: è possibile che per avere una cura debba aggravarsi? Perché inizia a risentirne a livello sociale e comportamentale diventando sempre più nervosa ed iperattiva. La ringrazio per l’attenzione.
Carla Sogos
Carla Sogos

Gentile signora, purtroppo non mi è molto chiaro il quadro della bambina. Se sono stati riscontrati episodi di tremori sporadici non inquadrabili come epilessia conclamata si può decidere di aspettare perché prima di iniziare una terapia antiepilettica si aspetta di confermare con precisione la diagnosi e il quadro clinico. Certo se la bambina comincia a presentare altri problemi associati che limitano la socializzazione si può valutare la prescrizione di un farmaco antiepilettico che può anche favorire una maggiore stabilità nel comportamento. Non capisco se oltre ai tremori la bambina presenta altri disturbi del neurosviluppo (disturbo del linguaggio, ritardo psicomotorio o altro). Da remoto mi è impossibile aggiungere altro o darle indicazioni più precise, che spettano al collega che ha in cura la sua piccola e che ben ne conosce la storia clinica. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti