Bimba di 4 anni e mezzo con mal di testa occasionali: c’è da preoccuparsi?

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 21/03/2023 Aggiornato il 21/03/2023

Se la cefalea non si associa a particolari sintomi, come per esempio vomito e arresto della crescita, non desta peoccupazione.

Una domanda di: Valentina
Ho una bimba di 4 anni e mezzo che occasionalmente soffre di mal di testa. Quando capita chiede di restare sdraiata perché dice che da sdraiata le fa meno male. Capita solitamente quando ha la febbre,quando è stanca, ma talvolta anche senza apparente motivo. Poi passa spontaneamente senza antidolorifici (salvo in caso di febbre dove diamo antipiretico). Mi chiedevo: è normale che una bambina così piccola soffra di mal di testa? Ha iniziato a soffrirne dai 4 anni, anche se è una cosa sporadica. Io ho sempre sofferto di mal di testa fin da bambina, ma mai prima dei 7/8 anni minimo. Ho letto che le cefalee insorte prima dei 5 anni sono quelle più a rischio di essere cefalee secondarie e la cosa mi preoccupa. Se può essere utile ha già fatto visita oculistica di “sceeening” (ma non per la cefalea, ma solo perché la mia pediatra la consiglia a tutti verso i 3-4anni) e andava tutto bene. Grazie molte.
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Cara signora, è vero che la cefalea è un sintomo infrequente nei bambini più piccoli, ma già a partire dai 4 anni non è eccezionale. La familiarità emicranica può certamente avere il suo ruolo. Altre caratteristiche di venialità nel suo caso sono che la cefalea il più delle volte accompagna la febbre o quando la bambina è troppo stanca, come pure il fatto di recedere spontaneamente.
Segni di preoccupazione non ne vedo nessuno: il dolore che si fa continuo; che produce risvegli notturni; associato a vomiti anche fuori delle crisi; arresto della crescita.
Mi sembra proprio che possa stare tranquilla.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti