Bimba di 5 mesi che ha ancora le colichette

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 15/03/2022 Aggiornato il 15/03/2022

A volte per risolvere il problema delle colichette "dei tre mesi" che (purtroppo) si protraggono nel tempo basta introdurre un pasto diverso dal latte.

Una domanda di: Marianna
La mia bimba di 5 mesi soffre ancora di coliche notturne. La allatto esclusivamente al seno e a giorni comincerò con lo svezzamento. Abbiamo provato qualsiasi cosa per le coliche colimil, colinox e così via, alla fine ho provato a rivolgermi a uno osteopata che tratta le coliche…mi ha fatto fare degli esercizi per distendere l’intestino, la prima settimana la bimba è stata bene. Ora sono ricominciate: sono disperata. Preciso che siamo quasi certi che siano coliche perché la piccola fa tanta aria e quando ha dolore tira le gambe indietro: avete altri rimedi da consigliarmi??

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
forse il passaggio ad una alimentazione diversa dal latte, anche se solo un pasto, potrebbe cominciare a far diminuire questo fastidio. In genere molti bambini che a 5 mesi hanno ancora coliche assumono parecchio latte e questi liquidi favoriscono il problema. Veda se il passaggio ad un pasto solido migliora la situazione (come spesso avviene). Anche la somministrazione di probiotici a volte aiuta, anche se miracoli non ne fanno. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti