Bimba di 8 mesi che si sveglia più volte di notte: che fare?

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 26/05/2022 Aggiornato il 26/05/2022

Non esistono ricette magiche per impedire a un lattante di svegliarsi più volte di notte reclamando il seno materno. Armarsi di pazienza è quanto di meglio si possa fare nell'attesa che la situazione migliori (come di certo prima o poi accade).

Una domanda di: Gaia

Salve, sono la mamma di una birba di nome Nina. Nina ha 8 mesi ed è da 4 mesi circa che mi sveglia molte volte durante la
notte. Il più delle notti si sveglia circa ogni ora. Le abbiamo provate tutte. Ho iniziato il mio percorso con lei con il classico allattamento a richiesta, e all’inizio poppava circa ogni 3 ore, come da manuale. Poi ha iniziato a desiderare la tetta ogni ora di notte e quando si attacca a volte vuole rimanere attaccata per svariato tempo e guai se gliela provo a staccare o rimpiazzare dal ciuccio o da delle coccole. Non è fame perché le pappe dal sesto mese le mangia e in abbondanza. La sera prende anche l’aggiunta sotto consiglio del pediatra. Dorme nel lettino accanto al nostro letto, ma spesso con noi nel lettone per mia praticità. Abbiamo provato a scoprirla , temevamo avesse caldo, a cambiarle il pannolino di notte. La mettiamo a letto sempre alle 21:30/22 e sempre con lo stesso rito. Di giorno fa  2 riposini di 30 min o un’ora. Non sappiamo più che pesci prendere. È una bimba serena e socievole. E tutti quando la vedono mi dicono che sembra finta per quanto è buona: va in braccio a tutti, gioca, ride, ma di notte è un inferno.

Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma,

leggendo la sua lettera mi viene da dire che no, Nina non è una “birba” (è un po’ troppo piccola per darle questo appellativo, anche se affettuoso e scherzoso, non crede?). Non è neanche una bambola, che essendo finta non dà segni di sé. Direi che definire “un inferno” le vostre notti è una scelta un po’ forte, considerando che questa bambina ha appena otto mesi, che di giorno dorme fino a due ore (due sonnellini), che mangia, cresce regolarmente, è serena e socievole. Ma è appunto una bambina: la tenete nel lettone per comodità ma io mi chiedo cosa accadrà quando non vi farà più comodo questa scelta e, come è più che prevedibile, farete molta fatica a spostarla definitivamente nel lettino. Per quanto riguarda il seno, che dire? Certo che non lo cerca per fame (visto che mangia a sufficienza di sera) ma solo per conforto, per bisogno di vicinanza con la mamma. A me sembra sia un comportamento del tutto normale, del tutto accettabile: quando in casa arriva un bambino le cose cambiano, sarebbe da stupirsi se questo non accadesse. È già invidiabile che i primi 4 mesi di vita abbia dormito tutta notte, limitandosi a svegliarsi per reclamare la poppata. Lei afferma di aver “provato di tutto”, non ho dubbi che sia stanca, che desideri dormire un’intera notte senza essere svegliata, ma per questo non ci sono ricette magiche. Posso solo dirle di lasciare la bambina nel lettino accanto al lettone e di provare a farla addormentare facendo suonare piano piano una musica dolce, che crei una specie di sottofondo che la culli, la avvolga. Sappia che questo è un periodo transitorio, reso più complicato dalla comparsa dell’ansia da separazione, sentimento tipico dell’età di sua figlia. Si tratta della sensazione angosciosa di perdere la mamma che spinge il bambino a cercarla per essere sicuro che ci sia. Non mi ha detto con chi trascorre la giornata questa bambina: se al nido, con una nonna o una tata si spiegherebbe ancora di più  il suo atteggiamento di notte. Vale la pena di ripetere che è normale che il cucciolo dell’uomo, come tutti i cuccioli, cerchi la madre, la voglia accanto a sé: stia tranquilla, l’epoca dei bambini piccoli passa in un lampo, le direi di godersi la sua bambina senza aspettarsi che si comporti, piccola com’è, con “disciplina”. Cari saluti. 

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti