Bimba di cinque mesi che rigurgita spesso

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 18/05/2020 Aggiornato il 18/05/2020

Vomiti e rigurgito, anche se spiacevoli, non sono significativi dal punto di vista medico, se non interferiscono sulla crescita né disturbano in modo particolare il bambino.

Una domanda di: Carla
Ho allattato mia figlia (che adesso ha 5 mesi e mezzo) all’incirca per un mese e mezzo senza problemi; poi, per forza di cose, sono passata al latte artificiale in polvere. Sin da subito ci sono stati problemi con il rigurgito, abbondante e maleodorante, sia subito dopo la poppata sia dopo diverse ore. Dopo aver provato diversi tipi di latte formulato e aver trovato quello che aveva ridotto al minimo i rigurgiti (era una formula anti-reflusso) lo hanno messo fuori produzione. Abbiamo anche cominciato lo svezzamento intorno ai 4 mesi e mezzo seguendo le indicazioni della pediatra. Una volta aggiunta la seconda pappa a cena, la bambina ha cominciato ad avere problemi di stitichezza e inoltre vomitava anche le pappine (forse stava mangiando un po’ troppo) per cui ho rimosso questo pasto e sono passata inoltre al latte vaccino diluito, anche se so che i pediatri solitamente non lo consigliano prima dei 12 mesi, però ho pensato che siccome la reazione alla poppata è quasi sempre la stessa anche con gli altri tipi di latte che mi sono stati consigliati a questo punto vale la pena togliere il latte in polvere che è comunque un latte artificiale. Nei primi giorni non ci sono stati problemi con il rigurgito, ma adesso siamo punto e a capo e subito dopo la poppata rigurgita sempre il latte, anche quando le metto il biscottino granulato. Fino ad ora non ci sono stati problemi di crescita o rallentamenti anche se non ho ancora effettuato la visita pediatrica del quinto mese qui all’ambulatorio (l’ultima visita è stata il 20 aprile). Allora mi chiedo: perché questi rigurgiti? Qual è il significato e a cosa sono dovuti? E soprattutto, come devo muovermi adesso?
Andare avanti con lo svezzamento, reintroducendo la cena potrebbe limitare il “danno”?
Grazie in anticipo.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
il fatto che i rigurgiti non impediscano la crescita, che riferisce buona e a ritmo regolare, e che non ci sia pianto durante e dopo i vomiti/rigurgiti depone per una situazione di reflusso non grave. Indubbiamente il passaggio alle pappe dovrebbe diminuire il problema, a patto di non esagerare con le quantità per quello che lei stessa ha notato. L’uso delle verdure nelle pappe potrebbe aiutare a contrastare la stipsi. Alla visita di controllo ne parli con il pediatra, per verificare la crescita della bambina e rivedere la sua dieta, specie rispetto ai pasti di latte che, vista la scelta di usare precocemente (cioè prima dell’anno di vita) il latte vaccino di latteria, possono risultare troppo proteici. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti