Bimba di due anni che ha messo in bocca l’osso del cane: ci sono rischi?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 31/05/2024 Aggiornato il 31/05/2024

In realtà, il rischio che la saliva del cane, venendo a contatto con la bocca del bambino, provochi problemi è basso, tuttavia buon senso vuole che sia meglio evitare.

Una domanda di: Alessia
Le scrivo per raccontarle un episodio. Ieri abbiamo comprato un cucciolo di barboncino di due mesi e mezzo che dovrebbe domani fare il primo vaccino (anche se il signore che me lo ha venduto sostiene di averglielo fatto, ma per sicurezza il mio veterinario vuole ripeterglielo comunque non avendo certezza che sia effettivamente stato fatto), e nell’entusiasmo del nuovo arrivato, la mia bambina di due anni lo toccava e la sorpresi con il suo osso in bocca. Potrebbe succedere qualcosa alla bambina? Devo fare qualcosa? È pericoloso che stia a contatto?

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara signora,
in generale il rischio che la saliva del cane trasmetta malattie è basso, tuttavia buon senso vuole che non venga a contatto con bocca, naso e occhi dei suoi umani, bambini compresi. La saliva del cane contiene microrganismi che servono a disinfettare le sue eventuali ferite, infatti i cani si leccano le zone della pelle eventualmente lesionate, ma questi stessi agenti possono causare nell’uomo infezioni. Per quanto riguarda la questione delle parassitosi intestinali, il veterinario di certo provvederà a somministrare eventualmente il vermifugo al cane. Sottolineo che non ci sono problemi se il cane lecca le mani o le gambe di un bambino, perché davvero non ci sono pericoli, specialmente se la pelle è integra. Di più non posso dirle se non di stare a vedere se nei prossimi giorni la bambina dovesse manifestare dei sintomi, per esempio di origine gastrointestinale (vomito, diarrea) o magari febbre. In questa eventualità (che però penso non si ponga) dovrà parlarne con il pdiatra spiegandogli l’accaduto. Tenga comunque presente che affiancare a un bambino un cane, specialmente se è come il barboncino di razza compatibile sia per temperamento sia per taglia, è un’ottima scelta sotto tutti i punti di vista e che i vantaggi di averlo superano di gran lunga i rischi che di fatto sono minimi. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti