Bimba di quasi tre anni che non parla e non interagisce: c’è da preoccuparsi?

A cura di Dottor Giorgio Rossi Pubblicato il 06/07/2023 Aggiornato il 06/07/2023

Una bambina di quasi tre anni che ha problemi di comunicazione deve essere valutata da un neuropsichiatra infantile, al quale spetta inquadrare il problema e poi indicare il da farsi.

Una domanda di: Katia
Ho una bimba di quasi tre anni, li compirà a ottobre, ma non parla (dice solo ma-ma, pa-pà ma non lo pronuncia bene). Non interagisce con altri bimbi le dà fastidio se uno la tocca. Le piace giocare da sola e quando la chiamo non si gira, lo fa solo quando vuole lei . Ma si fa capire su tutto quello che vuole con la mano, ti porta dove vuole, se sente un musica in TV lei balla e va a ritmo. A scuola le maestre mi dicono che è presto. Non so se mi sono spiegata: vorrei una diritta se preoccuparmi o no. Grazie.
Giorgio Rossi
Giorgio Rossi

Cara signora, senza trarre conclusioni in anticipo, sulla base del fatto che lei evidentemente non è tranquilla, anche se chiede a noi se sia il caso di preoccuparsi o no, nel momento in cui si formula questa domanda significa che si teme che ci sia qualcosa che non va, e soprattutto per non rimanere in sospeso deve sottoporre la sua bambina a un controllo dal neuropsichiatra infantile. Contrariamnete a quento sostengono le maestre, non è presto per capire come procede il suo sviluppo e inquadrare i problemi di comunicazione. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti