Bimba di sei mesi che non dorme mai

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 09/12/2018 Aggiornato il 09/12/2018

Quando un bimbo non dorme la priorità assoluta per la mamma deve essere quella di non farsi prosciugare tutte le energie, ma di cercare di recuperare il sonno ogni volta che può.

Una domanda di: Nadia
Non so più come fare, la mia bimba di sei mesi non dorme mai di notte sono sfinita, dove sbaglio? Grazie mille per la risposta.
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma,
mi viene da risponderle citando il titolo di un libro famosissimo, scritto dal professor Giovanni Bollea, considerato il pade della neuropsichiatria infantile moderna: Le madri non sbagliano mai. Non deve colpevolizzarsi per quanto sta accadendo, cara mamma, ma solo cercare di fare quanto è possibile per affrontare la situazione e risolverla. In primo luogo, deve fare il possibile per riposare quando può, perché la stanchezza e la carenza di sonno a cui è esposta da mesi potrebbero davvero destabilizzarla. Se riesce, affidi la bambina a qualcuno per qualche ora, anche di giorno, e lei ne aprofitti per dormire: già questo l’aiuterà a essere meno stressata e meno affaticata. Non mi ha scritto se allatta la sua piccola al seno né mi ha detto se la bambina si sveglia spesso perchè vuole mangiare: se così fosse è opportuno iniziare a ridurre il numero delle poppate notturne, limitandosi a consolarla, quando si sveglia con coccole e carezze ma non con il latte. Non mi ha detto se la bambina dorme nel suo lettino accanto al letto matrimoniale oppure nel lettone. Nel caso in cui dovesse dormire più a lungo quando viene accolta nel lettone, le consiglio di accontentarla perché ora la priorità assoluta deve essere per lei quella di riuscire a dormire. In generale, per abituare la bambina a “una buona nanna” cominci fin da subito ad adottare un rituale sempre uguale di accopagnamento al sonno. Si tratta solo di ripetere in sequesta ogni sera gli stessi gesti: cambio del pannolino, pigiama, accensione della lucina della notte, canzoncina o carillon, quindi nanna. la ripetizione delle stesse azioni ha un effettuo tranquillizzante sui bambini e concilia il loro sonno. Quando la bambina si sveglia, se dorme nel lettino non la prenda in braccio, ma si chini su di lei limitandosi a farle sentire la sua affettuosa presenza, niente di più. Pazienza ce ne vuole molta, ed è per questo che lei deve risparmiare e recuperare le forze più che può. Da tenerepresente anche che la sera il clima in casa deve essere il più possibile sereno e ovattato, perché anche questo aiuta i bimbi a rilassarsi. Mi chiedo infine: la bambina non dorme di notte da sempre o ha iniziato a non dormire in seguito a un cambiamento: per esempio ingresso al nido, ripresa del lavoro della mamma, svezzamento? Anche questo è un dato importante. Mi tenga aggiornata, se lo desidera. Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti