Bimba di sei mesi molto leggera

Dottor Pietro Falco A cura di Dottor Pietro Falco Pubblicato il 26/08/2018 Aggiornato il 26/08/2018

Se una bambina cresce poco è più che opportuno decidere con il pediatra se conviene rivolgersi a un centro di endocrinologia pediatrica.

Una domanda di: Consiglia
La mia bambina ha compiuto da poco 6 mesi e non arriva a 4 chili e 60 centimetri.
E’ nata col peso di due chili per 45 centimetri.
Ha avuto allergia alle proteine del latte vaccino attualmente prende latte idrolizzato.
In seguito, ha avuto il reflusso trattato con Gastrotuss e Ranidil. Ma il problema è che non cresce.
Alla nascita ha fatto lo screening metabolico. Grazie.
Pietro Falco
Pietro Falco

Gentilissima Signora Consiglia, in caso di scarso accrescimento vanno valutati una serie di parametri importanti: peso, lunghezza, circonferenza cranica con relative curve di crescita. Se i percentili di tali parametri sono costanti, cioè se la bambina è minuta ma cresce a ritmo costante anche se in misura modesta, allora potrebbe trattarsi semplicemente di un fatto costituzionale ma sempre nella norma. Se invece la curve di crescita (in particolare peso e lunghezza ) sono inferiori ai parametri considerati normali (dunque sono patologici) allora credo sia il caso, consultando sempre prima il suo pediatra, di fare visita endocrinologica possibilmente in un Ospedale Pediatrico. In effetti il peso di una bambina dell’ età della sua dovrebbe raggiungere almeno circa i 5,8 chili, tuttavia io parlo in linea generale perché non ho modo di visitare sua figlia. Sempre in generale, per quanto riguarda la statura più o meno ci siamo anche se fa pensare la poca proporzione tra peso e lunghezza: è importante infatti che tra i due parametri ci sia armonia. Premesso tutto questo, cosa ne pensa il suo pediatra? Cosa dice nel corso dei controlli? E ancora lo svezzamento, inteso come introduzione dei primi alimenti diversi dal latte è iniziato? Se sì, la bambina mangia o fa resistenza? La condizione generale della bambina com’è? E’ vivace, reattiva, curiosa? Il suo sonno è sereno? Sono sicuro che il suo pediatra avrà già dato tutte le risposte a queste domande e le avrà anche indicato il da farsi di conseguenze. le consiglio dunque di affidarsi al suo parere e di seguirne le indicazioni. Mi tenga aggiornato, se desidera. Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti