Bimba di tre anni che mangia poco o nulla

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 13/01/2020 Aggiornato il 13/01/2020

Non ci si deve scoraggiare se un bambino rifiuta determinati cibi: continuare a proporglieli con naturalezza (senza forzature) a poco a poco può indurlo ad assaggiarli e poi ad apprezzarli.

Una domanda di: Gabriele
Mia figlia ha quasi 3 anni. Siccome mangia poco a tavola, a volte pochissimo, mi chiedevo se può essere un problema per la salute e la crescita.
Quando è a tavola, ad esempio, quando le si presenta la pasta e lenticchie vuole solo le lenticchie oppure se le si propone pasta al sugo con olive vuole solo le olive o solo il sugo.
Inoltre ci dice che vuole il latte materno e basta.
Questo comportamento è normale o può presentare problematiche?
Cresce bene e sta bene ma a volte soffre di stitichezza proprio perchè mangiando poco a tavola molto probabilmente le feci si induriscono e fa fatica ad espellerle, a volte sembra quasi che si voglia tenere le feci e non le vuole espellere, inoltre indossa ancora il pannolino, solo pochissime volte si siede sul wc con riduttore ma non fa nulla, tranne qualche rara volta urina nel vasino.
Cordiali saluti.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile papà,
i tentativi di proporre al bambino anche cibi che rifiuta possono essere ripetuti più e più volte prima di rinunciavi, ma se vostra figlia è un po’ “ballerina” nei gusti e nelle scelte contingenti, continuate a offrirle i cibi come avete descritto: però anche voi dovete alimentarvi con gli stessi primi e pietanze in modo che la bambina non veda alternative. Per il fatto che comunque cresce bene direi che potete stare tranquilli sui nutrienti che di volta in volta, anche se in modo non regolare , sua figlia assume. Potete tentare di dare cibi di diversi colori per attirare la sua curiosità, specie verdure semicrude o scottate alla piastra, tagliandole a pezzetti adatti all’età. Date acqua a più riprese, per migliorare la funzionalità renale e intestinale. Le verdure suggerite prima possono aiutare per lo più le evacuazioni, come anche ila pasta o il pane integrali. Sulla difficoltà a voler evacuare nel vasino, siamo nella norma per l’età. Il latte materno va bene comunque anche se non deve diventare una scusa per non mangiare il resto. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti