Bimba di tre anni e pannolino

Dottoressa Luisa Vaselli A cura di Dottoressa Luisa Vaselli Pubblicato il 18/08/2021 Aggiornato il 18/08/2021

Ogni bimbo ha tempi propri che occorre rispettare, ma con pazienza e un pizzico di strategia può imparare a usare il vasino anche per fare la cacca.

Una domanda di: Francesca
Ho una bimba di 3 anni compiuti che a settembre andrà all’asilo. Già dall’estate scorsa ho iniziato ad introdurre senza fretta il vasino nella sua quotidianità, ottenendo un buon successo per la pipì. Con l’inverno appena passato si è impigrita un po’ ma con la bella stagione è tornata a rifare la pipì addirittura chiedendo di andare sul water (vista la possibilità di togliere il riduttore dal vasino). Non c’è verso invece di fare la cacca. Qualche volta è riuscita e lei stessa si è dimostrata molto entusiasta anche perché le abbiamo dato le giuste attenzioni sottolineandole che è stata molto brava. Il più delle volte invece per farla si vuole a tutti i costi far mettere il pannolino. Per non darle problemi la assecondo e nel frattempo cerco di farmi dire il perché di questa cosa ma senza successo. Sto sbagliando qualcosa? Grazie per qualsiasi suggerimento.
Luisa Vaselli
Luisa Vaselli

Gentile Francesca,
ogni bambino ha i suoi tempi. Se chiedo ad un bambino così piccolo il perché dei suoi comportamenti sicuramente non saprà cosa rispondere e non si sentirà capito. I genitori in questa fase della vita sono onnipotenti ed in quanto tali vedono tutto e soprattutto indovinano e sanno tutto! Dalla mail non si evince come stia cercando di farsi dire la motivazione. Se direttamente interrogati a tre anni non riescono a dare una risposta. Solo noi possiamo trovare la soluzione di questo problema dando delle risposte senza fare domande. Come? Con la nostra onnipotenza! In qualità di genitori possiamo dare delle risposte :
“Credo che tu abbia fastidio a fare la cacca nel vasino perché si appiccica al sedere”.
“Credo che tu abbia fastidio a stare seduta sul water perché troppo alto”.
Oppure possono aver paura di quanto, secondo la loro immaginazione, potrebbe saltare fuori dal water: pesci o mostri che mordono o chissà che altro.
Oppure semplicemente potrebbe essere che più semplicemente non hanno voglia di cimentarsi in questa esperienza nuova.
In base agli orari della bambina si può portarla in bagno quando è l’ora della cacca con un librino da leggere insieme per rendere divertente e affettivo questo passaggio. Se la bimba viene seduta sul water è opportuno mettere sotto i suoi piedi uno sgabellino: la posizione confortevole e stabile è di grande aiuto per aiutarla a usare la tazza. fermo resta che è di fondamentale importanza mantenere la calma e non farsi prendere dall’ansia. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Terzo cesaeo dopo due cesarei complicati: è possibile?

01/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Senza dubbio, un terzo cesareo dopo due cesarei che hanno determinato complicazioni espone a dei rischi, che è bene ponderare prima di decidere per una terza gravidanza.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti