Bimba di tre mesi che si scarica a fatica

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 03/10/2019 Aggiornato il 03/10/2019

Massaggi e microclismi (meglio se al miele) possono aiutare il lattante a scaricarsi quando non ci riesce spontaneamente.

Una domanda di: Pamela
Mia figlia ha tre mesi e dalla sesta settimana circa ha smesso di andare di corpo se non stimolata per almeno mezzora. La allatto esclusivamente al seno e il pediatra dice che sta benissimo, di stimolarla ogni giorno e se arriva alle 48 ore di farle il microclisma, cosa che cerco di evitare anche perché dovrei fargliene di continuo. Questo problema credo incida anche sulla sua alimentazione, perché quando non ha evaquato, pochi minuti dopo aver iniziato la poppata a qualsiasi ora (tranne la mattina presto e la notte fonda) si stacca e piange come per le coliche (di cui soffre molto, e le gocce non le fanno nulla) poi stremata si addormenta e non mangia più fino alla poppata successiva. Ora io non so se sono coliche “diurne” o è davvero l’ingorgo di feci, però dopo essersi scaricata la situazione migliora. La crescita fino a ora è stata regolare.
Ho provato anche a portarla da un osteopata ma nessun risultato!
È normale una “stipsi”, se così si può chiamare, così ostinata? Cosa posso fare per aiutarla a evacuare a parte la stimolazione?
Ringrazio in anticipo per la risposta.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora la regolarità dell’alvo condiziona indubbiamente anche l’alimentazione, quindi quando vede che la piccola si lamenta quello è il momento di intervenire per aiutarla a evacuare sia con massaggi, sia con flessione delle cosce dell’addome. Se poi non succede nulla si passa a usare microclisma di miele meno irritante della glicerina.
Anche i probiotici, specie se con presenza di inulina, possono servire per aiutare la situazione. A questa età non si parla di stipsi che prevede l’emissione di feci dure e compatte cosa che non credo sia presente. In genere è un problema transitorio dei primi mesi che si risolve con la crescita e soprattutto con le pappe, che eventualmente si possono iniziare a introdurre dalla 17ma settimana finita. Comunque sia, quello che più conta è che la bambina cresca regolarmente, come di fatto avviene. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti