Bimbo che gioca a dare le testate contro il muro

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 06/09/2021 Aggiornato il 06/09/2021

Un bambino che assume comportamenti potenzialmente pericolosi potrebbe semplicemente avere bisogno di più baci, di più carezze, di maggiori attenzioni affettuose.

Una domanda di: Arianna
Mio figlio di 15 mesi spesso dà delle testate al muro
prima appoggiandosi delicatamente appena sente il rumore del contatto con il
muro incomincia a darle più forte e quando io dico no non si fa lui mi
guarda ride e ricomincia più forte, stessa cosa quando sta sul seggiolone o
seggiolino sbattendo però all’indietro, stesso discorso, se gli do contro
dicendo no lui riprende facendo ancora più forte e ad ogni testata ridendo
ogni volta che fa il rumore. Questa cosa la fa di punto in bianco
prendendola quasi come un gioco, mai per un riscontro negativo o quando è
arrabbiato o cose simili, solo quando è tranquillo, appunto come fosse un
gioco. Dorme molto la notte, all’incirca si addormenta alle 21:30 e si sveglia
per le 8:00/8:30, difficilmente ha risvegli notturni, e quando capita, do il
latte e poco dopo si riaddormenta. Mangia tranquillamente tutto, lo
svezzamento sta andando a meraviglia, siamo passati da una settimana da i
pasti a minestra con qualcosa di più consistente in quanto ha già 8 denti
tutti fuori e altri 8 spuntati, nella nascita dei denti non ha avuto grossi
problemi, mai nottate raramente nervoso poca bava al massimo si mordeva le
dita, una sola volta diarrea. E’ un bimbo molto attivo e stimolato, io lavoro
insieme a mio marito e rimane dai bisnonni per metà giornata 6 giorni su 7,
ma questa cosa l’ha incominciata a fare da molto dopo che io sono tornata a
lavorare quindi non credo ci sia una correlazione, lo indico perché ho letto
una sua precedente risposta ad una situazione però leggermente diversa, in
quanto era fatto sotto forma di capriccio, e indicava che una possibile
motivazione potesse essere un cambiamento della routine magari un’assenza
da parte della mamma. Spero di aver dato tutte le indicazioni possibili.

Angela Raimo
Angela Raimo

Gentile signora,
poiché a questo comportamento insolito non si associano altri segnali di disagio e poiché il bambino non dà testate per esprimere rabbia o ribellione non resta che pensare che per lui sia veramente un gioco. Un gioco che magari gli serve per catturare la vostra attenzione, come di fatto puntualmente succede. Lui dà testate e voi vi concentrate su di lui. In primo luogo bisogna evitare che si faccia male, quindi quando inizia va fermato subito, abbracciandolo e dicendogli “non fare così, ti fai la bua”. Ma baci abbracci coccole attenzione gli vanno garantiti non solo per bloccare un gesto che potrebbe essere pericoloso per lui, ma più e più volte nell’arco della giornata, al di là di come si comporta. Questo bambino probabilmente ha bisogno di più contatto fisico, di più atteggiamenti affettuosi. Forse desidera vedervi più attenti a lui (è solo un’ipotesi che è quanto posso fare a distanza senza conoscervi e senza conoscere il bambino). Comunque sia, la tenerezza è curativa, non lo dimentichi. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti