Bimbo che ha toccato la pupù di un cane: quali pericoli?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 28/11/2020 Aggiornato il 28/11/2020

Conseguenze gravi non ce ne dovrebbero essere qualora la deiezione di un cane avesse contaminato le dita, successivamente portate alla bocca.

Una domanda di: Martina
Gentilissimo Dottore, oggi il mio bimbo è uscito a giocare e siamo stati al parco. Ha trovato cacca di cane e l’ha toccata. Poi si è sfregato il naso con la mano sporca (non ho fatto in tempo a pulirgliela).
Devo preoccuparmi o prestare attenzione a qualcosa in particolare?
La ringrazio per la sua cortese risposta.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora, probabilmente non succederà nulla. Se tra 24-48 ore avrà scariche sfatte o vomito, si può pensare ad una gastroenterite e si vedrà l’intensità dei disturbi, quasi sempre senza conseguenze e senza necessità di interventi se si esclude la somministrazione di soluzioni reidratanti, che servono appunto a ripreistinare la quantità di liquidi che il vomito e/o la diarrea fa disperdere. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni sulla pelle dopo il vaccino anti-Covid

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Rocco Russo

Le eventuali reazioni locali all'inoculazione del vaccino possono essere controllate con pomate a base di antistaminico.  »

Feto un po’ più grande rispetto all’atteso

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

La gravidanza può essere ridatata grazie a quanto rilevato con la prima ecografia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti