Bimbo che mangia troppo (di notte)

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 05/10/2020 Aggiornato il 05/10/2020

L'introduzione della seconda pappa, quella della sera, dovrebbe, almeno in linea teorica, saziare il bambino,favorendo l'abbandono della poppata notturna.

Una domanda di: Sara
Ho un bimbo di 5 mesi appena compiuti. A seguito di problemi di reflusso la mia pediatra a 4 mesi e mezzo mi ha consigliato lo svezzamento con la pappa di mezzogiorno. Specifico che il bimbo, nonostante il reflusso, cresceva comunque: è partito alla nascita sotto peso (2,6 kg) per arrivare a 4 mesi a 6,5 kg, Lo sto allattando artificialmente. Inizialmente, a metà pappa faceva versi come se volesse succhiare e il cucchiaino non gli permetteva di avere una suzione continuativa, ora pian pianino sembra che si stia abituando, ma ogni tanto se non lo distraggo con qualcosa mi fa il matto. A distanza di 2 settimane, per impedire che si svegli di notte, la pediatra mi ha consigliato la pappa della sera. Dopo 2 sere da questa nuova introduzione, il bimbo oltre a svegliarsi di notte più di prima (invece che meno), mi sembra che stia mangiando troppo! Mangia la pappa alle 19, alle 21,30 il latte poi alle 2 e alle 6, altri 180 mol di latte. E non c’è modo alternativo per consolarlo la notte, perché ha proprio fame. Cosa devo fare ?
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora Sara,
la seconda pappa può ulteriormente aiutare contro il reflusso. Bisognerebbe anche porre rimedio a questi continui pasti serali-notturni di latte. Tendenzialmente con l’introduzione della seconda pappa, un bambino dovrebbe saltare i pasti notturni. Ma qui non succede: conviene allora posticipare la pappa serale verso le 20-21 per poi arrivare a dare un solo biberon di latte alle 24 e vedere se poi si arriva senza risvegli alle 6-7 del mattino. In caso di risveglio sulle 3 di notte converrebbe tentare di somministrare semplice acqua nel biberon invece che latte. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta: riuscirò ad avere un bambino?

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per quanto strano possa sembrare, un aborto spontaneo, anche se rappresneta un evento dolorosa, comprova che la coppia riesce a concepire, quindi è fertile.   »

Sangue rosso vivo a un mese dal parto

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le lochiazioni non preoccupano se sono costituite da sangue, ma solo se diventano maleodoranti o troppo abbondanti.  »

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

Fai la tua domanda agli specialisti