Bimbo che non arriva a 35 anni

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 09/11/2023 Aggiornato il 09/11/2023

Quando dalle indagini effettuate sulla coppia non emerge nulla che ostacoli il concepimento, nonostante la gravidanza non si annunci, può essere una buona idea rivolgersi ai medici che si occupano della cosiddetta "Naprotecnology".

Una domanda di: Elena
Ho un grandissimo problema. Da circa 1 anno e mezzo non ci riesco a diventare mamma, ho 35 anni, mio marito 30.
Abbiamo fatto più visite da varie ginecologo 3 per essere precisa. Mi hanno vistitata, ecografie e così via. Poi mi hanno fatto più cicli di clomid e poi le punture di Gonasi per fare scoppiare i follicoli, che scoppiano ma niente. Ho fatto la visita alle tube: la sinistra è aperta, la destra è leggermente chiusa, a causa di un intervento di appendicectomia tanti anni fa. Poi mi hanno trovato un ovaio micropolicistico, ovviamente in un studio specialistico. Mi hanno fatto prendere integratori, poi acido folico, che prendo
anche ora. Ma nessuno dei ginecologi consultati mi ha detto cosa fare o dove andare, perché sicuramente ci sarà bisogno di vistite molto più approfondite.
Mio marito ha fatto lo spermiogramma ed è a posto. Credetemi non so più che fare, x favore ditemi cosa posso fare. Ah, i gineoclogi mi hanno raccomandato di stare tranquilla e rilassata.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, la sua lettera si chiude con la ciliegina sulla torta: “mi hanno raccomandato di stare tranquilla e rilassata”.
Capisco che lei tutto sia tranne che tranquilla e rilassata!
In effetti noi medici abbiamo un approccio parziale alla questione e questo in ambito ginecologico è per me evidente più che in altre specialità.
Lei e il marito avete fatto tutti i controlli di rito, va (quasi) tutto bene eppure la gravidanza non arriva.
Lei ritiene di aver bisogno di visite più approfondite e in effetti dopo un anno e mezzo di ricerca della gravidanza ci sentiamo autorizzati a pensare di dovervi dare una mano. Quello che mi sento di suggerirvi è proprio un percorso diagnostico più approfondito che prende il nome di Naprotecnology ossia una tecnologia al servizio della Procreazione Naturale.
L’idea è quella di indagare meglio sia sul versante maschile che su quello femminile gli eventuali ostacoli al concepimento, imparando anche a riconoscere i suoi segni di fertilità in modo da mirare i rapporti sui giorni con più probabilità di concepire (ma non solo, naturalmente) e a darvi tutti gli strumenti per ottenere un concepimento spontaneo, vista anche la giovane età di entrambi.
Le allego un sito che rimanda ad una realtà nella Svizzera italiana ma anche nel nostro Paese ci sono medici che hanno approfondito questa disciplina e che hanno ottenuto ottimi risultati, con minori rischi sia per le mamme che per i bambini concepiti.
http://www.naprotecnologia.ch/index.html
Spero di averle come si suol dire “messo la pulce nell’orecchio” e di averla aiutata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti