Bimbo che non arriva dopo due anni di tentativi

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 28/05/2019 Aggiornato il 28/05/2019

Se la gravidanza non si annuncia dopo due anni di tentativi è opportuno che la coppia si rivolga a un centro per la diagnosi e la cura dell'infertilità. Anche l'aspirante papà deve, infatti, sottoporsi a controlli, primo tra tutti lo spermiogramma.

Una domanda di: Alice
Sono una ragazza di 28 anni e sono sposata. Da due anni stiamo cercando una gravidanza ma ancora niente: ho fatto tutte le visite e vanno tutte bene anche se mi hanno trovato una ciste acquosa alla ovaia. Inoltre sono un po’ in sovrappeso: non ce la faccio più ogni mese una batosta lei che mi consigliate Grazie.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora,
quanto mi riferisce è davvero molto generico per permettermi di fare delle ipotesi. Posto questo, dopo due anni di tentativi senza risultato è senza dubbio opportuno che lei si rivolga a un centro di fisiopatologia della riproduzione, che si occupa di diagnosi e cura dell’infertilità, per effettuare tutte le indagini del caso non solo su di lei ma anche su suo marito. E’ la coppia, infatti, che in simili casi deve essere valutata, quindi anche l’uomo, in quanto l’ostacolo al concepimento potrebbe dipendere da lui. Tra le indagini da effettuare c’è dunque anche lo spermiogramma, che serve ad analizzare la qualità degli spermatozoi. Per quanto riguarda il sovrappeso, può impedire di dare inizio a una gravidanza in quanto può non consentire all’ovocita di maturare correttamente e può anche interferire sull’impianto dell’embrione: affidarsi a un nutrizionista per dimagrire fino a raggiungere il peso ideale è dunque sempre opportuno. Per finire, tenga presente che di norma si suggerisce alla coppia di sottoporsi a controlli dopo un anno di tentativi falliti e questo vale se la donna ha meno di 35 anni, se ne ha di più conviene invece chiedere un parere anche prima (dopo sei mesi). Nel suo caso sono già trascorsi due anni: direi che è meglio non attendere oltre. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti