Bimbo che non si annuncia dopo 5 mesi di tentativi

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 30/03/2023 Aggiornato il 02/04/2023

Non è automatico che si avvi una gravidanza quando si decide di averla, comunque una coppia giovane e sana può aspettare un anno prima di sottoporsi a controlli per la fertilità.

Una domanda di: Cristina
Ho 33 anni ed è dal mese di novembre che provo ad avere una gravidanza, ma ancora adesso niente. C’è da preoccuparmi?
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile Cristina, come più e più volte ho scritto, il corpo della donna non funziona come una lampadina elettrica, non basta premere l’interruttore per dare inizio a una gravidanza. Non è cioè così automatico che si riesca a rimanere incinta quando lo si decide, comunque sia una coppia giovane e sana nella maggior parte dei casi riesce a dare inizio a una gravidanza entro un anno di tentativi, quindi si tende a consigliare di aspettare quest’arco di tempo prima di effettuare dei controlli, se ovviamente l’età della donna non suggerisce che si debba fare il più in fretta possibile. Ma non è questo il suo caso. Lei non mi dice nulla del suo peso, quindi in generale le dico che sia i chili di troppo sia l’eccessiva magrezza interferiscono sui meccanismi che portano alla formazione dell’ovocita. In gergo ostetrico si dice che fanno ovulare male, quindi è importante, se necessario, recuperare il prorpio peso ideale. Inoltre, in vista del concepimento (veramente andrebbe fatto sempre, a tutto vantaggio della propria condizione fisica) è bene adottare uno stile di vita il più sano possibile: alimentazione varia e ben bilanciata, niente fumo né alcol, fare movimento regolarmente. Ma è altrettanto importante non vivere la ricerca della gravidanza tormentandosi per la paura di non farcela perché lo stress è un grande nemico della fertilità e, per paradosso, il timore di non riuscire nell’intento può allontanare l’obiettivo. La ricerca di un figlio andrebbe vissuta con spontaneità e gioia, senza controproducente ansia. Le ricordo di assumere a partire da ora 400 microgrammi al giorno di acido folico, utile per scongiurare il rischio di difetti del tubo neurale (ossia la spina bifida) nel bambino. L’assunzione va in genere protratta per tutto il primo trimestre di gravidanza, salvo diversa indicazione del ginecologo curante. Meglio assumere l’acido folico lontano da tè e latticini, per facilitarne l’assorbimento. Le auguro che il suo desiderio si avveri presto, mi tenga aggiornato.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza che non si annuncia dopo 7 mesi di tentativi: si deve ricorrera alla PMA?

24/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Di solito, se la coppia è giovane, prima di indagare sulla sua fertilità, si attende che trascorra un anno di tentativi di concepimento andati a vuoto. Qualora il ginecologo suggerisca di ricorrere alla procreazione medicalmente assistita prima di questo lasso di tempo probabilmente esclude la possibilità...  »

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti