Bimbo che non si annuncia dopo due mesi di tentativi: che fare?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 10/08/2022 Aggiornato il 10/08/2022

Non esiste nel corpo della donna un interruttore che basta premere per ottenere la gravidanza. Due tentativi falliti di rimanere incinta non sono nulla e non richiedono alcun controllo.

Una domanda di: Fabiana
Egregio Dottore buonasera, volevo chiederle un parere. Tra una settimana compio 33 anni e mio marito ne ha 31. Mi sono sposata questo 25 giugno e abbiamo cominciato fin da subito ad avere rapporti non protetti in tutta la finestra fertile. Ho un ciclo di 23/24 giorni e percepisco quando l’ovulazione sta per avviarsi (intorno al 10 pm) per la presenza di muco filante e crampi all’ovaio che dovrebbe rilasciare l’ovulo. Da due anni ho rimosso la tiroide ma sono ben dosata ormonalmente, a detta del mio endocrinologo, con TSH a 0,19. Sono normopeso, mentre mio marito è sovrappeso. A 20 anni mi capitò con il mio ex di restare incinta nell’unica volta in cui si ruppe il preservativo ma poi ebbi un aborto spontaneo. Ora invece mi ritrovo a desiderare un figlio e a non riuscirci. Sono due tentativi falliti e mi preoccupo che si accumuleranno. Aggiungo che da i primi di luglio ho cominciato ad assumere folina 5 mg una compressa al giorno, va bene? Inoltre, crede che debba cominciare a fare qualche controllo ai fini dell’ ottenimento del concepimento? La ringrazio di cuore per la sua risposta.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, per prima cosa deve sapere che il corpo della donna non funziona come una lampadina attaccata alla corrente elettrica: non basta premere un interruttore per avere una gravidanza. Secondo studi statistici, a 31 anni le probabilità di rimanere incinta ogni mese (ovvero a ogni ovulazione) non superano il 30 per cento e la maggior parte delle coppie sane, senza problemi di infertilità, riesce a dare inizio a una gravidanza entro un anno di tentativi. Due tentativi falliti non sono dunque affatto significativi dal punto di vista medico, quindi le consiglio vivamente di non trasformarli in un dramma. Lo stress è, infatti, un acerrimo nemico della fertilità femminile e più si va in ansia per la paura di non riuscire a dare inizio a una gravidanza più si rischia di diminuire le probabilità di farcela in un breve arco di tempo. Dunque, le raccomando di mettersi tranquilla e di vivere la ricerca di un figlio con gioia e serenità senza nutrire troppe aspettative circa la tempistica. In relazione al sovrappeso di suo marito, non mi specifica la sua entità, quindi è difficile esprimersi. Posso però dirle che alcuni studi hanno evidenziato che sovrappeso e obesità si associano con una certa frequenza a una bassa qualità dello sperma (volume del seme, conta e concentrazione degli spermatozoi, vitalità, motilità e morfologia degli stessi). Naturalmente riporto solo un dato presente in letteratura, non sto formulando alcuna diagnosi sul caso specifico. Comunque sia, se entro un anno di tentativi la gravidanza non dovesse annunciarsi, allora diventerà opportuno che lei e suo marito, insieme, vi rivolgiate a un centro per la diagnosi e la cura dell’infertilità di coppia. Per quanto riguarda l’acido folico, le linee guida indicano di assumerlo nella dose di 400 microgrammi al giorno, allo scopo di prevenire la spina bifida del feto. Va preso ogni giorno per tutto il periodo della ricerca della gravidanza e almeno fino al termine del primo trimestre. Lei ne assume in quantità maggiori perché probabilmente così le ha indicato il suo curante, che è l’unico a cui deve dare ascolto in quanto, a differenza di me, conosce bene la sua storia clinica. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti