Bimbo che non si annuncia dopo otto mesi di tentativi

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 24/08/2021 Aggiornato il 24/08/2021

Una donna giovane può sottoporsi ad accertamenti volti a verificare la sua fertilità anche dopo un anno di tentativi andati a vuoto, ma una donna già matura è opportuno che non attenda così tanto.

Una domanda di: Samanta
Buongiorno, io e il mio compagno proviamo da più da 8 mesi a concepire un bambino,
ma con il calendario a portata di mano che mi dice se è il momento giusto
a oggi ancora nulla, il mio ciclo è ogni 28 giorni, solo questo mese è arrivato
con 5 giorni di anticipo. Il forte caldo mi fa aumentare il flusso ma ogni
volta che sento i sintomi strani mi dico “ecco ce l’ho fatta” e poi arrivano le mestruazioni. Cosa posso assumere per facilitare la fertilità?
Grazie mille.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
non mi dice quanti anni ha e questo è un dato importantissimo riguardo alla
fertilità. Una donna di 30 anni può infatti attendere un anno di tentativi
di concepimento andati a vuoto prima di sottoporsi ad accertamenti sulla sua
fertilità (insieme ovviamente al suo partner) mentre a 40 anni conviene lo
faccia prima. Comunque sia, la fertilità viene favorita in maniera naturale
grazie a una stile di vita sana: alimentazione corretta, niente fumo,
attività fisica regolare. Non mi dice nulla neppure del suo peso (in
rapporto alla statura). Al riguardo, tenga presente che il sovrappeso così come
l’eccessiva magrezza sono un ostacolo importante alla fertilità. In relazione al periodo fertile, più che col calendario si individua grazie alla presneza del muco fertile, costituito da una secrezione chiara, trasparemte, filante, simile a chiara d’uovo: sarebbe importante che ogni donna imparasse a riconoscerlo. Le ricordo
di assumere fin da ora (e per tutta la ricerca della gravidanza fino al primo trimestre compreso) l’acido folico: 400 microgrammi al giorno . Serve
per la prevenzione della spina bifida del bambino. Riassumendo: se lei è giovane e in perfetta forma fisica anche per quanto riguarda il peso
corporeo può attendere ancora qualche mese prima di effettuare dei controlli mirati (ecografia, visita, esami del snague per i dosaggi ormonali). Diversamente è opportuno che lei si rivolga subito al suo ginecologo di fiducia per accertamenti. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti