Bimbo che non vuole stare a pancia in su e rischio di SIDS

Dottor Stefano Geraci
A cura di Dottor Stefano Geraci
Pubblicato il 06/12/2018 Aggiornato il 19/12/2018

Almeno fino ai sei mesi di vita è importante cercare di indurre il bambino a mantenere la posizione supina durante il sonno. E se si gira sempre? Si può provare un trucco ...

Una domanda di: Jessica
Gentile Dottore,
sono la mamma di un bimbo di tre mesi che purtroppo mi vuole dormire solo a pancia in giù. La cosa mi preoccupa viste le raccomandazioni in ospedale e al
corso preparto per la morte in culla, la notte lo controllo sempre o lo tengo sopra di me come mi devo comportare?
Stefano Geraci
Stefano Geraci

Cara mamma, la sua preoccupazione è giusta: è stato dimostrato, come lei ben sa e infatti a detto, che mettere il bambino a dormire a pancia in su è una regola importantissima di prevenzione nei confronti della morte in culla, nota anche come SIDS, acronimo di Sudden Infant Death Sindrome. E’ opportuno dunque che lei cerchi di fare in modo che il suo piccolo non si giri. Ci può provare mettendolo nel lettino in posizione supina, con la testa che sfiora la testata e il braccino accostato alla sponda. Coperta e lenzuolo oppure il piumino (che dev’essere sintetico e non di piuma vera) vanno quindi rincalzati in modo ragionevolmente stretto, affinchè il bambino si senta avvolto. Questa sensazione di “contenimento” per certi versi simile a un abbraccio può indurlo a mantenere la posizione, quindi a non girarsi né a pancia in giù né su un fianco. Tenga comunque il lettino (o la culla) nella camera matrimoniale, vicino al vostro letto. Segua inoltre anche le altre regole anti-SIDS: allattare al seno; non coprirlo troppo durante il sonno per evitare che si surriscaldi; non esporlo al fumo passivo; non scaldare troppo le stanze di casa (la temperatura ideale è di circa 20-21 gradi di giorno e 18 di notte); offrirgli il ciuccio prima della nanna. Tenga presente che controllare che dorma supino è particolarmente opportuno fino al sesto mese di vita. Dopo il sesto mese, anche se è bene continuare a coricarlo a pancia in su (e va fatto fino all’anno) si può stare meno in apprensione se non mantiene la posizione supina perchè il rischio di SIDS da quest’età in avanti diminuisce. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Stefano Geraci
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti