Bimbo che picchia e morde: c’è da preoccuparsi?

Dottoressa Nicole Bianchi A cura di Dottoressa Nicole Bianchi Pubblicato il 08/06/2021 Aggiornato il 08/06/2021

I bambini piccoli, compiendo gesti violenti, esprimono le loro emozioni. E' normale che accada: quello che serve è contenerli con affettuosa fermezza.

Una domanda di: Lucia
Salve…ho un bimbo di quasi 2 anni….il problema, se così si può chiamare, è
che alza le mani contro di me in particolare, ma a volte anche contro il fratello di 7 anni. In più morde. Vorrei sapere se è una fase o mi devo preoccupare. Grazie.

Dottoressa Nicole Bianchi
Dottoressa Nicole Bianchi

Cara mamma,
fra i 3 e i 4 anni i bambini si picchiano fra loro e spesso picchiano anche gli adulti di riferimento. Il suo bambino è ancora piccino, ma non più bebè, perciò prova un’istintiva rabbia per non avere più il rapporto simbiotico del primo anno con la mamma e la riversa su di lei, perchè non la riconosce più in questa fusione. Il suo bambino è sempre più autonomo ed esplorativo verso il mondo e verso gli altri. Anche i morsi sono per lui fonte di slancio e scoperta verso ciò che lo circonda e, allo stesso tempo, rappresentano anche un modo atavico di proteggersi dalle novità. Suggerisco di rassicurarlo molto in questa fase, accompagnandolo nelle sue autonomie e scoperte, ma fornendogli direttive e contenimento se eccede nelle manifestazioni emotive, procurando dolore. È fondamentale accompagnare i bambini fin da piccoli nella regolamentazione emotiva. Si sentirà meno disorientato nel crescere. Buona esplorazione!

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti