Bimbo che si ribella ai “pezzetti”

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 29/10/2019 Aggiornato il 29/10/2019

Se il bambino vuole mangiare tutto frullato è opportuno accontentarlo, in attesa che arrivi anche per lui il momento di apprezzare i cibi solidi.

Una domanda di: Lara
Ho provato a dare a mio figlio di 7 mesi piccolissime quantità di cibo solido (per esempio, 1 chicco di riso, un po’ di carota ben schiacciata, un pezzettino di biscotto Plasmon) ma non riesce a gestirli, ha conati di vomito e sembra soffocare. Come posso aiutarlo ? È normale tutto questo?
Grazie.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
sì spesso accade di vedere bimbi che hanno difficoltà con i cibi solidi. In simili casi occorre armarsi di grande pazienza: so che questa mia risposta non le piacerà molto, perché è ovvio che lei si aspetta un consiglio risolutivo, ma creda non c’è molto altro da fare che attendere che arrivi anche per il suo bambino il “giusto momento”. A 7 mesi si può tranquillamente continuare a dare pappe con gli ingredienti frullati (non c’è fretta in realtà, non occorre accelerare l’introduzione del cibo a pezzetti) e, nel frattempo, dare ogni giorno al bambino la possibilità di portare alla bocca pezzetti di verdure cotte o di frutta sempre cotta. In sintesi, le suggerisco di continuare con le solite pappe frullate, mettendo però davanti al bambino anche qualche pezzetto di un cibo morbido (broccoli, carote, zucchine, mele o pere cotte) per solleticare la sua curiosità e indurlo ad afferrare almeno un pezzetto per poi portarlo alla bocca. La spinta all’autonomia, presente in tutti i bambini, lo indurrà a provare. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti