Bimbo che si ribella alle prime pappe

Dottor Leo Venturelli
A cura di Dottor Leo Venturelli
Pubblicato il 23/09/2019 Aggiornato il 14/10/2019

Meglio non forzare i tempi, se il bambino non accetta di buon grado l'introduzione dei primi alimenti diversi dal latte, ma attendere che sia pronto per la novità.

Una domanda di: Linda
Salve, sono mamma di due bimbi: uno di due anni, l’altro di sei mesi. Allatto il più piccolo esclusivamente al seno ma di nuovo non va bene lo svezzamento: con il primo era andata male e anche il mio secondo bimbo non ne vuole sapere dei nuovi cibi. Ogni tanto accetta la banana schiacciata, ma nient’altro. Consigli da darmi, per favore?!? In attesa di una risposta, vi porgo cordiali saluti e vi ringrazio in anticipo: vi seguo sempre e siete fantastici.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara mamma,
in simili casi si deve riuscire a suscitare la curiosità del bambino verso la novità rappresentata dagli alimenti diversi dal latte materno. Una buona regola è mangiare tutti insieme intorno alla tavola (lui sul seggiolone, se sta già seduto bene), permettendogli di allungare le manine su un pezzetto di broccolo bollito, sulla banana sciacciata , su una rondellina di carota cotta. Gli si può offrire anche, direttamente in mano, un biscottino primi mesi (si sciolgono immediatamente venendo a contatto con la saliva). Può essere anche che guardare il fratellino che mangia dal piatto gli suggerisca di imitarlo…Se questi tentativi falliscono, si armi di pazienza e sospenda tutto per un paio di settimane, senza insistere oltre e poi riprovi nuovamente con la prima pappa: ogni bambino ha il suo “giusto momento”, meglio non forzare i tempi, ma attendere che accetti l’introduzione dei nuovi cibi volentieri, con piacere e divertimento. So benissimo che non è facile, ma forse si può consolare pensando che tra qualche mese sorriderà ricordando come questo ostacolo a un certo punto sia diventato semplice da superare. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti