Bimbo che si stacca dal seno e piange

Dottor Stefano Geraci A cura di Dottor Stefano Geraci Pubblicato il 30/10/2019 Aggiornato il 30/10/2019

E' normale che il bambino, quando si sente sazio, rifiuti con determinazione di continuare a succhiare il latte.

Una domanda di: Roberta
Ho un bambino di quasi sei mesi allattato esclusivamente al seno senza aver avuto mai un problema, da circa due settimane però quasi ad ogni poppata dopo 5/10 minuti si stacca, piange e porta la testa all’indietro, faccio cambio di seno e la cosa si ripete, lo stacco, lo metto sul seggiolone ed è tranquillo.
Latte credo di averne, non credo sia lo svezzamento perché l’ho iniziato dopo a questi episodi.
Come mai fa così ?
Grazie anticipatamente.
Stefano Geraci
Stefano Geraci

Gentile signora,
innanzi tutto non mi è chiara una cosa: prima mi dice che il suo bambino è allattato esclusivamente al seno poi però riferisce di aver iniziato lo svezzamento. Se così fosse, non posso che approvare in quanto di sicuro questo bambino è pronto per l’introduzione dei primi alimenti solidi come dimostra il fatto che una volta messo sul seggiolone si tranquillizza. Il suo comportamento a fine poppata è più che eloquente: non vuole che si prolunghi ulteriormente ed è più che comprensibile, visto che è nei primi minuti che vengono introdotte le maggiori quantità di latte. Ritengo che non abbia molto senso insistere affiché la poppata si protragga per 20 minuti e che non vi sia affatto bisogno di offrire ogni volta entrambi i seni. Se il bambino cresce a un ritmo regolare (senza arresti) e non ha particolari problemi (come mi sembra sia) può e deve essere assecondato quando si rifiuta di continuare a succhiare dal seno, cioè quando decide che la poppata si è conclusa. Cominci (o continui) invece con lo svezzamento, sempre mantenendo qualche pasto del suo latte, fino a quando il bambino lo gradirà. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti