Bimbo che si tocca l’orecchio destro

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 06/05/2019 Aggiornato il 06/05/2019

Ci sono gesti che i bambini compiono a scopo di consolazione e a cui, in assenza di altri segni associati che possono creare allarme, non conviene dare troppa importanza.

Una domanda di: Barbara
Sono mamma di un bimbo di 15 mesi e da qualche giorno ho notato che davanti ad una negazione, non fatta con cattiveria, ma semplicemente dicendo: “No, non si tocca o non si fa”, il mio bimbo si tocca l’orecchio destro. Sarà un suo modo di esprimere il suo imbarazzo? In quel momento non piange e non si arrabbia anzi mi guarda e accenna un sorriso…
Grazie mille!
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma,
volendo interpretare alla lettera il linguaggio del corpo, potrei ipotizzare che il suo bambino porta la mano all’orecchio (non a caso il destro, perché è a destra che si trova la zona del cervello che governa le emozioni) per non sentire la raccomandazione o il rimprovero. Più semplicemente, credo che il contatto con una parte del suo corpo gli dia conforto e consolazione, allontanando la (lieve!) frustrazione che può derivare dal sentirsi imporre un divieto. In generale, direi che se da un lato è un’ottima cosa che lei sia così attenta al suo bambino dall’altra è comunque opportuno non cercare spiegazioni complicate in atteggiamenti che se, come in questo caso, non si associano a segni che in qualche modo possono allarmare, vanno considerati insiti nella gestualità dei bimbi piccoli. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti