Bimbo che suda molto quando si addormenta

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/03/2018 Aggiornato il 21/03/2018

Le prime cose a cui pensare a fronte di una sudorazione eccessiva è che il bambino sia coperto troppo o l'ambiente sia troppo riscaldato.

Una domanda di: Manuela
Vorrei chiedere un’informazione: il mio bimbo che ha 3 anni e mezzo, da qualche sera a questa parte appena si addormenta, suda in maniera
che devo cambiare maglietta intima e quella del pigiama (di cotone) e suda anche in testa così tanto da chiazzare il cuscino. Volevo precisare che lunedì ha finito la
cura con agumentin di 7 giorni (per un’otite e placca in gola con febbre alta), dopo aver assunto per 4 giorni Panacef senza risultati, e che ho somministrato per tutti i giorni in cui aveva febbre alta nurofen alternato a tachipirina (per 1 settimana fino a quando la febbre non si è abbassata). Volevo chiedere se questa sudorazione, appena prende sonno, è un fattore
fisiologico o se devo preoccuparmi. Ringrazio anticipatamente.
Stefano Geraci
Stefano Geraci

Cara mamma, per prima cosa bisogna escludere che il bambino sudi perché, banalmente, ha molto caldo. Mi chiedo se non sia troppo coperto rispetto o alla temperatura che c’è in casa. Tenga presente che la temperatura ideale in casa dovrebbe aggirarsi intorno ai 20 gradi. penso anche che la sudorazione potrebbe essere legata alla digestione resa lenta dall’assunzione di una quantità di cibo eccessiva, eventualità che si pone quando per esempio viene offerto al bambino un biberon di latte, dopo cena e prima di andare a letto. Per finire, è possibile anche che il bambino corra e salti prima di coricarsi e che questo lo predisponga a sudare. In linea di massima, dunque, specialmente se oltre alla sudorazione serale non vi sono altri sintomi insoliti (come per esempio, una sete esagerata) ritengo non ci sia di che preoccuparsi. Se invece il bambino dovesse iniziare a sudare molto anche di giorno, senza una giustificazione plausibile legata, per esempio, a un ambiente surriscaldato, diventa opportuno consultare il pediatra curante. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che rifiuta la mamma

03/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non basta aver messo al mondo un bambino per diventare la figura di riferimento che predilige. Se sono altre persone a prendersene cura, non stupisce che le preferisca alla mamma.   »

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Fai la tua domanda agli specialisti