Bimbo che viene aggredito al nido: la mamma deve intervenire?

Dottoressa Luisa Vaselli A cura di Dottoressa Luisa Vaselli Pubblicato il 29/11/2023 Aggiornato il 29/11/2023

È compito delle educatrici gestire i comportamenti dei bambini aggressivi, mentre è opportuno che le mamme non intervengano in difesa dei figli.

Una domanda di: Ionela
Mio figlio ha 18 mesi. Frequenta il nido da 4 mesi ed è un bimbo sereno. Da circa un mese, quanto vado a prenderlo, mi è capitato di assistere al fatto che altri due bambini più grandi di un anno lo aggrediscono. Lo trovo piangendo, con dei piccoli segni sul corpo o faccia. Guardo dalla finestra e vedo che lo aggrediscono anche nella mia presenza. Ho fatto presente il problema alla direzione e mi hanno comunicato che è normale. Posso capire fino ad un certo punto…Oggi mi e capitato nuovamente. Ho aperto la porta e ho detto al bambino che picchiava il mio che non si fa così e che lo avrei detto alla sua mamma. La mamma mi ha ripreso che io non dovevo dire nulla a suo figlio. Se mai lamentandomi con la maestra. Ci tengo precisare che in quel momento la maestra tranquillizzava un’altra bimba aggredita dallo stesso bimbo. Cosa devo fare in queste situazioni? Preciso che so che avrei dovuto segnalare il fatto alla maestra ma in quel momento, visto che lei non faceva nulla, dovevo guardare mio figlio come viene aggredito? La mamma dell’altro bimbo ha preso le difese di suo figlio, ma non ha detto di fare pace con il mio o chiedere scusa come avrebbe dovuto fare. Attendo un parere e ringrazio in anticipo.
Luisa Vaselli
Luisa Vaselli

Salve cara signora, voglio dirle che comprendo il suo stato d’animo e anche la sua preoccupazione per il suo bambino, perché è vero che certi piccoli “picchiatori” possono esagerare e se non provocare traumi fisici veri e propri possono comunque spaventare il bimbo aggredito, disturbarlo e farlo piangere. Detto questo, è corretto che quando simili incidenti accadono a scuola siano le educatrici a gestirli, fa parte dei loro compiti. Sono d’accordo dunque con lei sul fatto che non sarebbe dovuta intervenire direttamente sul bambino, sarebbe stato di certo più opportuno rivolgersi alla mamma per capire insieme come agire affinché l’accaduto non si ripeta più. In generale, la cosa migliore da fare in questo caso è il non intervento. Due sono i motivi: i nostri figli imparano a difendersi, trovano delle alternative e imparano a gestire la loro forza. Questo vale però soprattutto se il bambino che aggredisce ha più o meno la stessa forza fisica del bimbo aggredito. Se intervengo in difesa di mio figlio, da buon genitore “spazzaneve” passo anche il messaggio che non è in grado di difendersi da solo. In secondo luogo, il non intervento permette al bambino di imparare a fronteggiare e superare le frustrazioni, diciamo che è un ottimo allenamento per il futuro, per non soccombere davanti a eventuali “no” della vita. Quindi controllo sì, attenzione sì, ma basta così. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti