Bimbo che viene aggredito al nido: la mamma deve intervenire?

Dottoressa Luisa Vaselli A cura di Dottoressa Luisa Vaselli Pubblicato il 29/11/2023 Aggiornato il 29/11/2023

È compito delle educatrici gestire i comportamenti dei bambini aggressivi, mentre è opportuno che le mamme non intervengano in difesa dei figli.

Una domanda di: Ionela
Mio figlio ha 18 mesi. Frequenta il nido da 4 mesi ed è un bimbo sereno. Da circa un mese, quanto vado a prenderlo, mi è capitato di assistere al fatto che altri due bambini più grandi di un anno lo aggrediscono. Lo trovo piangendo, con dei piccoli segni sul corpo o faccia. Guardo dalla finestra e vedo che lo aggrediscono anche nella mia presenza. Ho fatto presente il problema alla direzione e mi hanno comunicato che è normale. Posso capire fino ad un certo punto…Oggi mi e capitato nuovamente. Ho aperto la porta e ho detto al bambino che picchiava il mio che non si fa così e che lo avrei detto alla sua mamma. La mamma mi ha ripreso che io non dovevo dire nulla a suo figlio. Se mai lamentandomi con la maestra. Ci tengo precisare che in quel momento la maestra tranquillizzava un’altra bimba aggredita dallo stesso bimbo. Cosa devo fare in queste situazioni? Preciso che so che avrei dovuto segnalare il fatto alla maestra ma in quel momento, visto che lei non faceva nulla, dovevo guardare mio figlio come viene aggredito? La mamma dell’altro bimbo ha preso le difese di suo figlio, ma non ha detto di fare pace con il mio o chiedere scusa come avrebbe dovuto fare. Attendo un parere e ringrazio in anticipo.
Luisa Vaselli
Luisa Vaselli

Salve cara signora, voglio dirle che comprendo il suo stato d’animo e anche la sua preoccupazione per il suo bambino, perché è vero che certi piccoli “picchiatori” possono esagerare e se non provocare traumi fisici veri e propri possono comunque spaventare il bimbo aggredito, disturbarlo e farlo piangere. Detto questo, è corretto che quando simili incidenti accadono a scuola siano le educatrici a gestirli, fa parte dei loro compiti. Sono d’accordo dunque con lei sul fatto che non sarebbe dovuta intervenire direttamente sul bambino, sarebbe stato di certo più opportuno rivolgersi alla mamma per capire insieme come agire affinché l’accaduto non si ripeta più. In generale, la cosa migliore da fare in questo caso è il non intervento. Due sono i motivi: i nostri figli imparano a difendersi, trovano delle alternative e imparano a gestire la loro forza. Questo vale però soprattutto se il bambino che aggredisce ha più o meno la stessa forza fisica del bimbo aggredito. Se intervengo in difesa di mio figlio, da buon genitore “spazzaneve” passo anche il messaggio che non è in grado di difendersi da solo. In secondo luogo, il non intervento permette al bambino di imparare a fronteggiare e superare le frustrazioni, diciamo che è un ottimo allenamento per il futuro, per non soccombere davanti a eventuali “no” della vita. Quindi controllo sì, attenzione sì, ma basta così. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti